red

Nel tempo dell'informazione catturo la notizia ed approfondisco il notiziabile
 Diffondi questo profilo
 

Boom per il libro di Sallusti&Palamara: vendute 165 mila copie in 9 giorni de "Il Sistema"

Un vero e proprio successo che, a pochi giorni dalla pubblicazione, ha già ottenuto una risposta notevole da parte dei lettori. Il Sistema, Rizzoli, il libro in cui Luca Palamara, radiato dall'ordine giudiziario nell'ottobre 2020, racconta la sua verità incalzato dalle domande del direttore de 'Il Giornale" Alessandro Sallusti, è diventato un caso non solo politico ma anche editoriale. Il volume, infatti, in libreria dal 26 gennaio, ha già fatto il pieno di vendite e di ristampe. 'Il Sistema' di Alessandro Sallusti e Luca Palamara, sta registrando un vero e proprio boom di vendite - dice all'AdnKronos Filippo Guglielmone, direttore generale operativo delle case editrici del gruppo Mondadori- "Rizzoli ha pubblicato il libro martedì 26 gennaio: dal giorno dell'uscita è stabilmente nei primi posti nelle classifiche dei libri più venduti, ristampando 6 edizioni in un settimana per un totale di 165 mila copie". Nel saggio, sollecitato da Sallusti, Palamara racconta in che cosa consista il sistema che condizionerebbe magistratura e la politica. "Quelli che hanno partecipato con me a tessere questa tela - colleghi magistrati, leader politici e uomini delle istituzioni -, erano pienamente consapevoli di ciò che stava accadendo. Io non voglio portarmi segreti nella tomba: lo devo ai tanti magistrati che con queste storie non c'entrano nulla" ha spiegato Luca Palamara.

Apri
 

Caos Procure, Laboccetta (Polo Sud): "Perchè Ermini non pensa di dimettersi?"

"E’ paradossale: come mai il vicepresidente del Csm Ermini si permette di pontificare nel suo intervento all'inaugurazione dell’anno giudiziario anziché pensar bene di dimettersi come conseguenza del suo punto di vista sulle scorie? Pensa forse che la sua nomina, avvenuta per merito delle cene all’hotel champagne, contribuisca a legittimare l’autorevolezza della magistratura? Suvvia! Dopo il libro di Palamara il re è nudo. E le ipocrisie del sistema per mantenere in essere lo statu quo non sono più tollerabili. Si faccia subito una commissione bilaterale d’inchiesta come hanno già richiesto molti miei colleghi e si faccia luce sugli ultimi trent'anni della storia degli intrecci tra politica e magistratura". Lo dice Amedeo Laboccetta di Polo Sud.

Apri
 

Covid. Librandi (Iv): "Si acceleri su introduzione anticorpi monoclonali"

"L’agenzia americana Fda ha approvato da tempo l’uso degli anticorpi monoclonali delle aziende Lilly e Regeneron, mentre in Europa siamo ancora fermi nonostante gli incoraggianti risultati di questa terapia. Mi unisco ai molti medici e scienziati che si chiedono perché l’Ema vada a rilento su questo punto. Cosa stiamo aspettando? Il Ministro Speranza ha qualche notizia in merito e, piuttosto, ha provveduto ad ordinare dei quantitativi sufficienti di questi farmaci per il nostro servizio sanitario? In America, gli anticorpi monoclonali si sono rivelati particolarmente efficaci per prevenire i casi più gravi di Covid ovvero nei pazienti ad alto rischio, come obesi o affetti da diabete, malattie renali, cardiovascolari, respiratorie. Ricordo che anche il Presidente Trump fu curato con una terapia a base di monoclonali. Dopo l’approvazione del vaccino, è fondamentale accelerare anche su quest’altro fronte in modo da offrire tutti gli strumenti più efficaci per prevenire e curare il Covid. La politica sia al passo con la scienza. Presenteremo un’interrogazione al Ministro Speranza per avere delucidazioni". Lo dice con una nota stampa il deputato di Italia Viva Gianfranco Librandi.

Apri
 

Pescherecci, Confsal Pesca: “Sereni adesso chiarisca su Vipe e sicurezza pescatori”

“A seguito della recente liberazione dei diciotto pescatori lavoratori, su cui abbiamo già espresso la nostra chiara soddisfazione, ci spiace constatare come membri del governo – come nel caso della Vice ministra Marina Sereni a Radio24 -, invece di condannare il sequestro dei libici, siano piuttosto intenti a dichiarare come i pescatori fossero a conoscenza di quelle acque di pesca non sicure”. Così la Confsal Pesca con il suo segretario generale Bruno Mariani (in foto), che continua sollevando il problema più grave: “Vorremo ricordare che i nostri pescherecci sono stati catturati a 42 miglia dalle coste libiche, in pieno tratto di mare internazionale e pertanto nel pieno diritto di pesca. Piuttosto - spiega il sindacato del settore ittico - consapevoli che quelle acque sono comunque a rischio e che la Marina Militare italiana con la Vi.Pe dovrebbe garantire la sua presenza per assicurare il libero esercizio dell’attività dei pescherecci italiani in acque internazionali, nel pieno rispetto delle leggi nazionali vigenti, bisognerebbe chiarire perché la motovedetta Durand de la Penne non sia intervenuta dopo aver dato ampie rassicurazioni di azione. Chiediamo anche alla Vice Ministra degli Affari esteri e della cooperazione internazionale Sereni, se i nostri pescherecci sono ancora al sicuro o abbandonati ad un destino che - conclude il segretario generale Confsal Pesca Bruno Mariani - non meritano”.

Apri
 

Volontariato, Cortese (criminologa): "Grazie a coloro che dedicano la vita agli altri"

"Oggi è la giornata internazionale del Volontariato e per lo sviluppo economico e sociale. Le persone che dedicano la loro vita a gli altri, sono la nostra salvezza, l’aiuto che ci permette di “stare tranquilli”, milioni di donne e uomini ogni giorno con dedizione e amore danno il loro aiuto a tutta la comunità mantenendo pace ed umanità, preziosissimi soprattutto in questa Pandemia. A tutti loro voglio dedicare questa giornata, senza di loro sarebbe tutto più difficile. Grazie!” 𝗔 𝗱𝗶𝗿𝗹𝗼 𝗲̀ 𝗹𝗮 𝗰𝗿𝗶𝗺𝗶𝗻𝗼𝗹𝗼𝗴𝗮 𝗔𝗻𝘁𝗼𝗻𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗖𝗼𝗿𝘁𝗲𝘀𝗲.

Apri
 

Volontariato, Cortese (criminologa): "Coloro che dedicano la loro vita agli altri la nostra salv

"Oggi è la giornata internazionale del Volontariato e per lo sviluppo economico e sociale. Le persone che dedicano la loro vita a gli altri, sono la nostra salvezza, l’aiuto che ci permette di “stare tranquilli”, milioni di donne e uomini ogni giorno con dedizione e amore danno il loro aiuto a tutta la comunità mantenendo pace ed umanità, preziosissimi soprattutto in questa Pandemia. A tutti loro voglio dedicare questa giornata, senza di loro sarebbe tutto più difficile. Grazie!” 𝗔 𝗱𝗶𝗿𝗹𝗼 𝗲̀ 𝗹𝗮 𝗰𝗿𝗶𝗺𝗶𝗻𝗼𝗹𝗼𝗴𝗮 𝗔𝗻𝘁𝗼𝗻𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗖𝗼𝗿𝘁𝗲𝘀𝗲.

Apri
 

Volontariato, Cortese (criminologa): "Coloro che dedicano la loro vita agli altri la nostra salv

“Oggi è la giornata internazionale del Volontariato e per lo sviluppo economico e sociale. Le persone che dedicano la loro vita a gli altri, sono la nostra salvezza, l’aiuto che ci permette di “stare tranquilli”, milioni di donne e uomini ogni giorno con dedizione e amore danno il loro aiuto a tutta la comunità mantenendo pace ed umanità, preziosissimi soprattutto in questa Pandemia. A tutti loro voglio dedicare questa giornata, senza di loro sarebbe tutto più difficile. Grazie!” 𝗔 𝗱𝗶𝗿𝗹𝗼 𝗲̀ 𝗹𝗮 𝗰𝗿𝗶𝗺𝗶𝗻𝗼𝗹𝗼𝗴𝗮 𝗔𝗻𝘁𝗼𝗻𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗖𝗼𝗿𝘁𝗲𝘀𝗲.

Apri
 

Intervista alla neo Garante per l’infanzia e l’adolescenza Carla Garlatti: sostituirà F. Albano

𝗣𝗿𝗲𝘀𝗶𝗱𝗲𝗻𝘁𝗲 𝗚𝗮𝗿𝗹𝗮𝘁𝘁𝗶, 𝗶𝗻𝗻𝗮𝗻𝘇𝗶 𝘁𝘂𝘁𝘁𝗼 𝗰𝗼𝗺𝗽𝗹𝗶𝗺𝗲𝗻𝘁𝗶. 𝗠𝗶 𝗽𝘂𝗼̀ 𝗱𝗶𝗿𝗲 𝗰𝗼𝗺𝗲 𝗵𝗮 𝗮𝗰𝗰𝗼𝗹𝘁𝗼 𝗹𝗮 𝗻𝗼𝘁𝗶𝘇𝗶𝗮 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝘀𝘂𝗮 𝗻𝗼𝗺𝗶𝗻𝗮? "Avevo dato la mia disponibilità tanto tempo fa, poi avevo letto di nomi in lizza di grande spessore e prestigio. Non pensavo più che fosse ancora una cosa possibile. Quando è arrivata la notizia della convergenza sul mio nome da parte dei Presidenti di Camera e Senato, sono rimasta sinceramente sorpresa. E naturalmente felice. Li ringrazio di cuore. Sento il peso gravoso della responsabilità di un incarico cosi delicato, conferitomi nel momento drammatico che tutti stiamo vivendo. Il mio compito sarà quello di promuovere e coltivare gli interessi e i diritti delle persone minori di età, come mi piace definirle, perchè, prima che bambini e adolescenti, sono persone, come tutte le altre". 𝗜𝗹 𝗺𝗼𝗻𝗱𝗼 𝗱𝗲𝗶 𝗯𝗮𝗺𝗯𝗶𝗻𝗶 𝗲 𝗱𝗲𝗴𝗹𝗶 𝗮𝗱𝗼𝗹𝗲𝘀𝗰𝗲𝗻𝘁𝗶 𝗮 𝘃𝗼𝗹𝘁𝗲 𝗮𝘀𝘀𝗼𝗺𝗶𝗴𝗹𝗶𝗮 𝗮 𝘂𝗻 𝗯𝗼𝗹𝗹𝗲𝘁𝘁𝗶𝗻𝗼 𝗱𝗶 𝗴𝘂𝗲𝗿𝗿𝗮 𝗳𝗿𝗮 𝗱𝗶𝘀𝗮𝗴𝗶 𝗲 𝘃𝗶𝗼𝗹𝗲𝗻𝘇𝗲 𝘀𝘂𝗯𝗶𝘁𝗲? "Il sommerso delle violenze, che subiscono le persone minori, è un fenomeno diffuso e drammatico, anche perchè la gran parte avvengono nell’ambito della famiglia. E penso, oltre che alle violenze propriamente fisiche, a quelle assistite, con i minori spettatori inerti e impotenti delle violenze fra il padre e la madre, con la donna quasi sempre nella parte della vittima sacrificale. Senza che ci sia spesso alcuna consapevolezza, da parte degli adulti, dell’enorme danno provocato a chi guarda e ascolta. Sento scuse irricevibili: era girato dall’altra parte, la porta era chiusa. Non è mai vero, i bambini vedono e ascoltano tutto. Una piaga tanto diffusa, quanto difficile da fare emergere. Se non c’è una denuncia da parte della vittima delle violenze, lei capisce bene che tutto è destinato a rimanere drammaticamente confinato dentro le mura domestiche. I numeri vanno interpretati. Le violenze, a danno dei minori, sono di una tipologia infinita. Ho davanti agli occhi e nel cuore quelle subite dai minori stranieri non accompagnati, di cui mi sono occupata, come Presidente del Tribunale dei minorenni, nella mia regione, il Friuli Venezia Giulia. Arrivano in Italia, avendo visto e subito di tutto. Violenze di cui, per quanti sforzi si possano fare per aiutarli, avranno memoria e porteranno, probabilmente, i segni per tutta la loro esistenza. E, a questo proposito, non posso sottacere l’orrore della tratta, della sparizione di tanti minori, soprattutto bambine, per fini ignobili, che non sono solo quelli a sfondo sessuale, ma anche dello sfruttamento lavorativo. Le do un dato, che lascia attoniti. Nel Friuli ci sono in questo momento 824 minori stranieri non accompagnati. Uno solo di loro è di sesso femminile. Le bambine e le adolescenti sono come svanite nel nulla. E’ agghiacciante". 𝗜 𝘀𝗲𝗿𝘃𝗶𝘇𝗶 𝘀𝗼𝗰𝗶𝗮𝗹𝗶, 𝗰𝗵𝗲 𝘀𝗶 𝗼𝗰𝗰𝘂𝗽𝗮𝗻𝗼 𝗱𝗲𝗶 𝗺𝗶𝗻𝗼𝗿𝗶, 𝗳𝗶𝗻𝗶𝘀𝗰𝗼𝗻𝗼 𝘀𝗽𝗲𝘀𝘀𝗼 𝘀𝗼𝘁𝘁𝗼 𝗮𝗰𝗰𝘂𝘀𝗮 𝗻𝗲𝗹𝗹𝗲 𝗰𝗿𝗼𝗻𝗮𝗰𝗵𝗲 𝗾𝘂𝗼𝘁𝗶𝗱𝗶𝗮𝗻𝗲. 𝗣𝗲𝗿𝗰𝗵𝗲̀ 𝗾𝘂𝗲𝘀𝘁𝗮 𝗺𝗮𝗹𝗲𝘃𝗼𝗹𝗲𝗻𝘇𝗮, 𝗶𝗻 𝗹𝘂𝗼𝗴𝗼 𝗱𝗲𝗹 𝗿𝗶𝗰𝗼𝗻𝗼𝘀𝗰𝗶𝗺𝗲𝗻𝘁𝗼 𝗱𝗲𝗹𝗹’𝗶𝗺𝗽𝗼𝗿𝘁𝗮𝗻𝘇𝗮 𝗱𝗶 𝘂𝗻 𝗿𝘂𝗼𝗹𝗼 𝗰𝗼𝘀𝗶̀, 𝗱𝗲𝗹𝗶𝗰𝗮𝘁𝗼? "Gli assistenti sociali si muovono su diversi livelli, che vanno dal sostegno psicologo ai genitori e a i loro figli fino a quello estremo della separazione dei bambini dalle famiglie, perchè per loro rimanere in casa può rappresentare a quel punto un danno ancora più grave. Ci si dimentica troppo spesso di quanto è scritto nella convenzione di New York. Il bambino ha si diritto ad avere un padre e una madre, ma anche quello di non vivere in una famiglia, che sia per lui fonte di disagio psicologico e di maltrattamenti, in una famiglia nociva. L’allontanamento è sicuramente la soluzione estrema, ma in alcuni casi anche l’unica salvezza per il bambino". 𝗠𝗮 𝗽𝗲𝗿𝗰𝗵𝗲̀ 𝗮𝗹𝗹𝗼𝗿𝗮 𝘀𝗶 𝗽𝗮𝗿𝗹𝗮 𝗰𝗼𝘀𝗶̀ 𝘀𝗽𝗲𝘀𝘀𝗼 𝗱𝗶 𝗯𝗮𝗺𝗯𝗶𝗻𝗶 𝗶𝗻𝗱𝗲𝗯𝗶𝘁𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗲 𝘀𝘁𝗿𝗮𝗽𝗽𝗮𝘁𝗶 𝗮𝗹𝗹𝗲 𝗹𝗼𝗿𝗼 𝗳𝗮𝗺𝗶𝗴𝗹𝗶𝗲? "Non trovo corretto che i servizi sociali vengano sempre stigmatizzati, perchè i casi, che emergono, di bambini portati via a forza dalle loro famiglie sono molto spesso buttati in pasto alle cronache proprio da parte di chi si è macchiato di colpe gravi. Ho visto personalmente i segni di danni indicibili procurati a un bambino e poi, nel momento, i cui viene tolto ai genitori, che lo stanno massacrando psicologicamente e fisicamente, ci si rivolge alla stampa e si comincia a gridare: «Mi hanno portato via il bambino, me l’hanno rapito ». Non escludo, ovviamente, che ci possano essere casi specifici di responsabilità dei servizi. A me personalmente non sono mai capitati. Altrimenti sarei intervenuta. Sono certa, però, che l’imputare ai servizi colpe e responsabilità, che sono altri, sia un fenomeno tanto diffuso quanto ingiusto. E non dobbiamo dimenticare, che i servizi sociali sono composti da persone e, quindi, al di là delle responsabilità individuali, c’è chi, come dappertutto, fa bene il proprio lavoro e chi lo fa male". 𝗜𝗹 𝗖𝗼𝘃𝗶𝗱 𝗵𝗮 𝗰𝗼𝗺𝗽𝗼𝗿𝘁𝗮𝘁𝗼, 𝗳𝗿𝗮 𝘁𝗮𝗻𝘁𝗲 𝗮𝗹𝘁𝗿𝗲 𝗰𝗼𝗻𝘀𝗲𝗴𝘂𝗲𝗻𝘇𝗲, 𝗹𝗮 𝘀𝗰𝘂𝗼𝗹𝗮 𝗮 𝗱𝗶𝘀𝘁𝗮𝗻𝘇𝗮 𝗽𝗲𝗿 𝗯𝗮𝗺𝗯𝗶𝗻𝗶 𝗲 𝗮𝗱𝗼𝗹𝗲𝘀𝗰𝗲𝗻𝘁𝗶 𝗲, 𝗾𝘂𝗶𝗻𝗱𝗶, 𝗹’𝗲𝘀𝗰𝗹𝘂𝘀𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗱𝗮𝗹 𝗱𝗶𝗿𝗶𝘁𝘁𝗼 𝗮𝗹𝗹𝗼 𝘀𝘁𝘂𝗱𝗶𝗼 𝗱𝗶 𝘁𝘂𝘁𝘁𝗶 𝗾𝘂𝗲𝗹𝗹𝗶 𝗰𝗵𝗲 𝗻𝗼𝗻 𝗵𝗮𝗻𝗻𝗼 𝘂𝗻 𝗰𝗼𝗺𝗽𝘂𝘁𝗲𝗿 𝗮 𝗱𝗶𝘀𝗽𝗼𝘀𝗶𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲. 𝗟’𝗲𝗻𝗻𝗲𝘀𝗶𝗺𝗮 𝗶𝗻𝗴𝗶𝘂𝘀𝘁𝗶𝘇𝗶𝗮 𝗮𝗶 𝗱𝗮𝗻𝗻𝗶 𝗱𝗲𝗶 𝗺𝗶𝗻𝗼𝗿𝗶? "L’ho letto anch’io. Non ho dati diretti a mia disposizione. E’ evidente che non tutte le famiglie dispongono di un computer per ciascuno dei loro figli e non tutte sono in grado di acquistarli. E’ altrettanto evidente che questo determini una lesione del diritto allo studio. Senza contare, i problemi allarmanti, che la didattica a distanza provoca di per sé. A parte l’isolamento coatto, è dannosa, perché rende sempre più esclusivo un rapporto con il computer, che nega la compagnia, il colloquio e la crescita sociale, in nome della virtualità. Sento a dire a tanti ragazzini: «Ho 5000 amici», che è come dire che non ne hanno nessuno. Sono amici in rete e, quindi, non esistono. Al tempo del Covid è, piu che mai necessario, cercare di trovare un equilibrio fra il diritto allo studio e quello primario alla salute". 𝗗𝗲𝗶 𝗯𝗮𝗺𝗯𝗶𝗻𝗶 𝗶𝗻 𝗾𝘂𝗲𝘀𝘁𝗼 𝗽𝗲𝗿𝗶𝗼𝗱𝗼 𝘀𝗶 𝗽𝗮𝗿𝗹𝗮 𝗽𝗼𝗰𝗼. 𝗘𝗽𝗽𝘂𝗿𝗲, 𝘀𝗼𝗻𝗼 𝗳𝗼𝗿𝘀𝗲 𝗹𝗲 𝘃𝗶𝘁𝘁𝗶𝗺𝗲 𝗽𝗿𝗶𝗻𝗰𝗶𝗽𝗮𝗹𝗶 𝗱𝗲𝗹 𝗱𝗶𝘀𝘁𝗮𝗻𝘇𝗶𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗼. 𝗔𝗶 𝗯𝗮𝗺𝗯𝗶𝗻𝗶 𝗶𝗺𝗽𝗲𝗱𝗶𝘀𝗰𝗼𝗻𝗼 𝗱𝗶 𝗳𝗮𝘁𝘁𝗼 𝗱𝗶 𝗴𝗶𝗼𝗰𝗮𝗿𝗲? "Lei sfonda una porta aperta. Le racconto un episodio capitatomi lo scorso inverno, durante la prima ondata. Avevo fatto notare che trovavo assurdo si potessero portare i cani a passeggio e non consentire a un bambino di poter fare neppure il giro dell’isolato. Apriti cielo, tutti a venirmi contro. Mi hanno quasi aggredita dicendo che, invece, era giustissimo. Io non ho cambiato idea: era ed è un scelta incomprensibile. Quella dei bambini non è certo la prima categoria, che viene in mente quando si parla di tutele. Mi domando chi, ad esempio, abbia pensato ai figli di genitori separati, che i lockdown allontanano magari per mesi da quello non convivente. Forse qualcosa, però, si sta finalmente muovendo". 𝗖’𝗲̀ 𝘂𝗻 𝗯𝗮𝗺𝗯𝗶𝗻𝗼 𝗰𝗵𝗲 𝗮𝘃𝗿𝗮̀ 𝘀𝗲𝗺𝗽𝗿𝗲 𝗻𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗺𝗲𝗻𝘁𝗲 𝗲 𝗻𝗲𝗹 𝗰𝘂𝗼𝗿𝗲? "I bambini sono capaci di resilienze incredibili, A me è capitato un bambino pakistano, che è arrivato a piedi in Italia dalla Serbia. A nove anni ce l’ha fatta da solo, senza nessun aiuto". 𝗘’ 𝘂𝗻’𝗶𝗺𝗺𝗮𝗴𝗶𝗻𝗲 𝘀𝗽𝗹𝗲𝗻𝗱𝗶𝗱𝗮 𝗾𝘂𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗱𝗲𝗹 𝗽𝗶𝗰𝗰𝗼𝗹𝗼 𝗽𝗮𝗸𝗶𝘀𝘁𝗮𝗻𝗼 𝗶𝗻 𝗺𝗮𝗿𝗰𝗶𝗮 𝘀𝗼𝗹𝗶𝘁𝗮𝗿𝗶𝗮 𝘃𝗲𝗿𝘀𝗼 𝗹𝗮 𝘀𝗽𝗲𝗿𝗮𝗻𝘇𝗮. 𝗡𝗼𝗻 𝘀𝗶 𝗽𝗼𝘁𝗲𝘃𝗮 𝘁𝗿𝗼𝘃𝗮𝗿𝗲 𝘂𝗻 𝗺𝗼𝗱𝗼 𝗺𝗶𝗴𝗹𝗶𝗼𝗿𝗲 𝗽𝗲𝗿 𝗰𝗵𝗶𝘂𝗱𝗲𝗿𝗲 𝗾𝘂𝗲𝘀𝘁𝗮 𝗶𝗻𝘁𝗲𝗿𝘃𝗶𝘀𝘁𝗮 𝗲 𝗮𝘂𝗴𝘂𝗿𝗮𝗿𝗹𝗲 𝗯𝘂𝗼𝗻 𝗹𝗮𝘃𝗼𝗿𝗼. "Grazie di cuore. Io ci metterò tutta me stessa, l’impegno e la determinazione, la ragione e il sentimento, la passione e il cuore. Che Dio mi assista". (𝘥𝘢 𝘚𝘱𝘳𝘢𝘺𝘯𝘦𝘸𝘴)

Apri
 

Riforme. Rossodivita (Radicali): "La magistratura ha mutato la politica, aprire nuova stagione&q

"La magistratura, grazie al potere irresponsabile che è riuscita a ritagliarsi, ha mutato più volte gli assetti della politica, la politica invece non è riuscita a mutare nulla negli assetti della magistratura, con la conseguente deriva che oggi abbiamo sotto gli occhi. Come ha sostenuto anche Cicchitto con un'analisi storica ne 'L'uso della politica', nei rapporti di forza tra politica e magistratura associata, la parte debole e perdente è la politica. E' una fotografia incontestabile. Bisogna prendere atto di questa debolezza e della incapacità della politica di produrre riforme e aprire una stagione referendaria che induca ad un dibattito serio sui media e dia parola e voto al corpo elettorale”. 𝑨 𝒔𝒐𝒔𝒕𝒆𝒏𝒆𝒓𝒍𝒐 𝒆̀ 𝒊𝒍 𝑷𝒓𝒆𝒔𝒊𝒅𝒆𝒏𝒕𝒆 𝒅𝒆𝒍𝒍𝒂 𝑪𝒐𝒎𝒎𝒊𝒔𝒔𝒊𝒐𝒏𝒆 𝑮𝒊𝒖𝒔𝒕𝒊𝒛𝒊𝒂 𝒅𝒆𝒍 𝑷𝒂𝒓𝒕𝒊𝒕𝒐 𝑹𝒂𝒅𝒊𝒄𝒂𝒍𝒆 𝑮𝒊𝒖𝒔𝒆𝒑𝒑𝒆 𝑹𝒐𝒔𝒔𝒐𝒅𝒊𝒗𝒊𝒕𝒂.

Apri
 

Teatro Stabile di Catania, intervista esclusiva con la Direttrice Laura Sicignano: “Molti teatri n

“𝗣𝗲𝗿 𝗰𝗼𝗹𝗽𝗮 𝗱𝗲𝗹 𝗖𝗼𝘃𝗶𝗱 𝗺𝗼𝗹𝘁𝗶 𝘁𝗲𝗮𝘁𝗿𝗶 𝗻𝗼𝗻 𝗿𝗶𝗮𝗽𝗿𝗶𝗿𝗮𝗻𝗻𝗼. 𝗙𝗮𝗿𝗲 𝗹’𝗮𝘁𝘁𝗼𝗿𝗲 𝗱𝗶𝘃𝗲𝗻𝘁𝗲𝗿𝗮̀ 𝘂𝗻 𝗺𝗲𝘀𝘁𝗶𝗲𝗿𝗲 𝗽𝗲𝗿 𝗿𝗶𝗰𝗰𝗵𝗶. 𝗡𝗲 𝗰𝗼𝗻𝗼𝘀𝗰𝗼 𝗺𝗼𝗹𝘁𝗶, 𝗰𝗵𝗲 𝗰𝗼𝗻 𝗶 𝗿𝗶𝘀𝗮𝗿𝗰𝗶𝗺𝗲𝗻𝘁𝗶 𝗻𝗼𝗻 𝗿𝗶𝗲𝘀𝗰𝗼𝗻𝗼 𝗮 𝘃𝗶𝘃𝗲𝗿𝗲 𝗲 𝗵𝗮𝗻𝗻𝗼 𝗱𝗲𝗰𝗶𝘀𝗼 𝗱𝗶 𝗰𝗮𝗺𝗯𝗶𝗮𝗿𝗲 𝗹𝗮𝘃𝗼𝗿𝗼” - Laura Sicignano, il teatro sopravvivrà al Covid? "Il teatro come genere è sopravvissuto alla peste, alla miseria, alle guerre, ai bombardamenti, alle religioni che lo volevano mettere al bando. Sopravvivrà anche al Covid. Alcuni teatri, però, chiuderanno i battenti e non riusciranno a riaprire. E molti attori non ce la faranno e la cosa più triste è che a soccombere non saranno quelli meno bravi, ma quelli con le spalle economicamente meno larghe. Il teatro che tornerà sacrificherà, in larga misura, il talento a favore del censo". - I teatri sono chiusi, i cartelloni, già programmati, mutilati e sospesi. Dove trova i coraggio per non farsi sopraffare dallo scoramento? "Nel lavoro, nella passione, nella responsabilità che ho nei confronti di tutte le persone, che lavorano per Il Teatro Stabile di Catania. Io ho il dovere di non perdermi d’animo e di trasmettere entusiasmo, non rassegnazione, Per me è una nuova sfida, più difficile, forse, di tutte le altre, ma, ma anche questa voglio vincerla. O quantomeno combattere". - Il teatro è contatto con il pubblico. Per un attore il teatro è la casa, il rapporto con il pubblico la vita. Senza il teatro, ho letto da qualche parte, all’attore gli tagli l’anima. Il Covid sta producendo non solo disastri economici e culturali, ma anche depressione, disadattamento, rabbia. E’ così? "Per i teatranti il rapporto con il pubblico è imprescindibile. Avevamo in programmazione uno spettacolo. E’ arrivato il giorno tanto atteso della prima. Pronti, via, il sipario si alza, ci sono gli attori, gli arredi, la scenografia. Manca solo il pubblico. Di fronte hai solo tre telecamere. E sai che non ci saranno applausi. Surreale, frustrante, doloroso, terribile, ma sai che non puoi fermarti. E devi comunque dare il meglio di te. Il teatro non è fatto per noi teatranti, ma per il pubblico. Noi ci esprimiamo, ma senza il pubblico non siamo niente. Senza teatro, a una società si toglie una dimensione. Il teatro è dialogo, confronto, un rito, che si ripete da millenni ed è alla base della nostra cultura mediterranea. Se allo spettatore togli il teatro, gli togli un pilastro del suo benessere mentale". - Ma vi hanno inserito fra le attività non essenziali, quelle che si possono chiudere senza troppi rimpianti? "A me non sembra proprio che non siamo essenziali. E in tanti, attori tecnici, si sono arrabbiati per questa definizione quasi offensiva del loro lavoro. E, poi, se chiudi un teatro, vanno sì in crisi economica e psicologica i suoi operatori, ma anche chi assiste dalla platea, che smarrisce una parte di sé, della sua identità, della sua anima". - In che cosa il Governo ha sbagliato? "La situazione è oggettivamente grave e non mi permetto di criticare. Una cosa, però, la voglio dire. Risorse importanti sono state sottratte negli anni passati alla sanità pubblica e ora tutti ne paghiamo pesantemente le conseguenze. I teatri sono chiusi, e alcuni resteranno chiusi per sempre, solo perché la sanità pubblica è stata smantellata e non può, quindi, far fronte all’emergenza. E c’è una triste analogia fra sanità pubblica e teatro. Anche noi siamo dispensatori di benessere, della salute non del corpo, ma della mente e dell’anima, e anche noi siamo stati relegati in fondo nella classifica dei Pil europei. Mi pare, se non ricordo male, che allo spettacolo dal vivo sia destinato lo 0,027 del prodotto interno lordo. Una miseria risibile, se paragonata alle percentuali degli altri Paesi. Per non parlare della mancanza di una legge di tutela. Eppure i teatri di ogni e grado, prima della pandemia, erano pieni. Il teatro, per certi versi, non soffre, come il cinema, la concorrenza della televisione perché è una ritualità che ci appartiene, fa parte del nostro dna". - Prima o poi si dirà: la nottata è finita. Che lo spettacolo ricominci. Non è così semplice, credo. Molti si chiuderanno, a virus vinto, da soli? "Ci sono finanziamenti offerti alle aziende teatro, ma gli attori e i tecnici, con i risarcimenti, con i ristori, come sono chiamati, non ci campano. E so di tanti che si sono già arresi e hanno deciso di cambiare mestiere e di cercarsi un altro lavoro. Una selezione, dettata dal bisogno, non dal talento. Quello dell’attore, in primis, rischia di diventare sempre di più, purtroppo, un mestiere per ricchi".

Apri
https://www.my101.org/altro-profilo.asp?u=113