Discussione

La variante corona Mu cambia status. Il motivo? Resiste al siero convalescente e ai vaccini

Dall’inizio dell’epidemia di COVID-19 alla fine di dicembre 2019, l’evoluzione dell’agente eziologico SARS-CoV-2 ha portato all’emergere di quattro varianti di preoccupazione tra cui il lignaggio Alfa (B.1.1.7) emerso per la prima volta nel Regno Unito e i lignaggi Beta (B.1.351), Gamma (P.1) e Delta (B.1.617.2) che sono stati identificati rispettivamente in Sud Africa, Brasile e India. Sono emerse anche cinque varianti di interesse, tra cui i lignaggi Eta (B.1.525), Iota (B.1.526), ​​Kappa (B.1.617.1), Lambda (C.37) e Mu (B.1.621) scoperti in Nigeria, New York, India, Perù e Colombia, rispettivamente. La più recentemente riconosciuta di queste varianti è la linea Mu (B.1.621), che è stata classificata come nuova variante di interesse dall’OMS il 30 agosto. A questo punto, il lignaggio era stato rilevato in 39 paesi. In Colombia, dove la variante è stata isolata per la prima volta a gennaio, si è verificata un’enorme ondata di COVID-19 tra marzo e agosto, con casi che hanno raggiunto un picco di 33.594 al giorno il 26 giugno. Sebbene la variante P.1 (gamma) fosse preoccupante dominante durante la fase iniziale di questa ondata, B.1.621 ha superato P.1 e tutte le altre varianti a maggio e da allora ha guidato l’epidemia in Colombia. Ricercatori in Giappone hanno avvertito che la variante Mu (B.1.621) sembra essere altamente resistente alla neutralizzazione da parte dei sieri di individui convalescenti o vaccinati. La variante B.1.621, isolata per la prima volta in Colombia nel gennaio di quest’anno (2021), è stata classificata come variante di interesse dall’OMS il 30 agosto. La resistenza che le varianti emergenti hanno mostrato finora può essere attribuita a diverse mutazioni che si sono verificate nella proteina spike virale, la struttura primaria coinvolta nella mediazione dell’infezione delle cellule ospiti. La maggior parte delle varianti B.1.621 ospita le seguenti otto mutazioni spike: T95I, YY144-145TSN, R346K, E484K, N501Y, D614G, P681H e D950N. Molte di queste mutazioni sono comunemente osservate in varianti di interesse, tra cui E484K (presente in B.1.351 e P.1), N501Y e P681H (presente in B.1.1.7) e D950N (presente in B.1.617.2). Ora, il Dr. Kei Sato e colleghi hanno condotto uno studio che mostra che la variante era più resistente alla neutralizzazione mediante neutralizzazione mediata dal siero rispetto a tutte le altre varianti di interesse o preoccupazione che sono state identificate fino ad oggi. more ... https://www.medicomunicare.it/2021/09/10/la-variante-corona-mu-cambia-status-il-motivo-resiste-al-siero-convalescente-e-ai-vaccini/

Commenta