Discussione

Coronavirus 3.x: fra le varianti genetiche la Delta sembra proprio la più Jekill-Hyde

La variante SARS-CoV2 Delta (B.1.617.2) è stata rilevata per la prima volta in India nell’ottobre 2020 e da allora è diventata uno dei ceppi più diffusi e dominanti a livello globale. I rapporti hanno indicato che, come altre varianti preoccupanti, la variante delta è più altamente trasmissibile ed elude meglio l’immunità indotta dal vaccino rispetto alla SARS-CoV2 wild-type. Le mutazioni caratteristiche della proteina spike della variante delta SARS-CoV2 che determinano una maggiore virulenza sono state ben descritte, sebbene mutazioni dell’involucro, della membrana, del nucleocapside, di 16 proteine ​​non strutturali (NSP) e di sei proteine ​​accessorie (NS) di SARS-CoV2 è stato documentato meno bene. In un articolo recentemente caricato sul server di prestampa bioRxiv*, sono stati analizzati quasi 2 milioni di genomi SARS-CoV-2 da tutto il mondo, trovando una grande diversità all’interno della variante delta che supera quella osservata nella variante alfa più diffusa. https://www.medicomunicare.it/2021/09/07/coronavirus-3-x-fra-le-varianti-genetiche-la-delta-sembra-proprio-la-piu-jekill-hyde/

Commenta