Discussione

Come promuovere un corso di formazione

Come promuovere un corso di formazione

4 consigli per promuovere un corso di formazione Sei un docente? un professionista? una azienda? o un ente di formazione? i modi per promuovere e vendere i tuoi corsi utilizzando il potenziale offerto dalla Rete, restano sempre uguali. L’obiettivo principale (e condiviso), è sempre lo stesso: avere più studenti, avere più iscritti. Per i tuoi corsi di formazione. Se stai leggendo questo articolo, vuoi individuare una soluzione vincente per pubblicizzare il tuo corso di formazione! Hai già un corso di formazione? Hai un Catalogo di formazione? Funziona? lo hai già sperimentato? Ottima notizia! Ora ti devi sforzare nella sua promozione e nel renderlo di successo in termini di risultati e vendita! La competizione è alta La competizione relativa ai corsi di formazione (online ed in presenza), sta aumentando vertiginosamente. Il contesto pandemico che stiamo ancora vivendo ha mutato la nostra società. La necessità di acquisire nuove competenze e restare competitivi è fondamentale. Il fenomeno dell’upskilling e del reskilling influenzerà la politica della formazione nei prossimi anni. Si è creato un vero e proprio mercato di settore, tanto a livello nazionale che locale. Nel nostro paese risultano infatti accreditati presso le varie regioni migliaia di enti, se a questi aggiungiamo le iniziative dei privati, fra professionisti, coach e scuole, è facile comprendere quanto sia ampia e variegata la concorrenza in questo settore. Per emergere bisogna quindi promuovere corsi di formazione nel modo migliore possibile. Rivolgiti al tuo target! La strategia consigliata è quella di rivolgere la nostra attività di marketing, sempre ad una fetta di mercato ben identificata, ossia ad un target specifico (o buyer personas). Questa attenzione al target di riferimento, renderà il più efficace possibile il nostro messaggio, andando ad intercettare solamente persone realmente interessate. Rivolgersi ad un pubblico non ben identificato risulta controproducente. Perchè una attività di marketing e comunicazione generica costa sempre di più di una circostanziata. Molto meglio, perciò, individuare il profilo della buyer personas. A questo punto, utilizzare successivamente tutti i canali di comunicazione adatti ad intercettarlo. Ecco qui i nostri 4 consigli da seguire e che andremo ad analizzare in maniera specifica: -I Social Media -La Newsletter -Locandine e volantini -Collaborazioni I social media I social rappresentano uno straordinario mezzo, ma senza il “controllo” il suo valore sarebbe nullo. Cosa intendiamo per “controllo”? una programmazione scadenzata dei post e dei contenuti che vorrai pubblicare. E’ necessario mantenere una continuità nella produzione di contenuti, in modo tale che i tuoi “follower” siano sempre informati sui tuoi aggiornamenti. Concentrando gli sforzi su come vorrebbe ricevere le informazioni il tuo target di riferimento. Si possono postare diverse cose, ecco alcuni spunti: -materiali che stai preparando -foto dei precedenti corsi -informazioni su questioni generali e sui prezzi Un’idea vincente è quella di produrre un (breve) video promozionale del tuo corso di formazione. La Newsletter E’ utile conservare le e-mail dei partecipanti ai corsi di formazione o agli eventi che organizzate oppure delle persone che hanno dimostrato interesse verso un corso ma poi non hanno partecipato. Predisporre una landing page di contatto/iscrizione alla newsletter sul sito internet della vostra realtà potrebbe risultare molto utile Anche in questo caso serve una programmazione strutturata (es. settimanale/mensile, ecc.) in modo che non si inizi con uno spamming scriteriato. E’ necessario utilizzare con una stratrgia definita nella spedizione della newsletter. Se i messaggi fossero troppi i destinatari perderebbero ogni interesse. Ci sono tanti programmi per l’invio di newsletter, ecco i più diffusi: MailChimp, AWeber, Constant Contact, Campaign Monitor, GetResponse, ActiveCampaign, Emma, Mad Mimi, FeedBlitz. Verificare con attenzione le caratteristiche del target di riferimento per poter selezionare quello più in linea alle esigenze di marketing. E’ molto importante ricordarsi sempre a chi ci si riferisce: se per esempio si vuole promuovere un corso di grafica, costruisci una mail con immagini ad alto impatto. Chi la riceverà potrà immaginare che grazie al corso sarà capace di crearle a sua volta. Locandine e volantini Molto bello e comodo l’utilizzo della tecnologia, ma il controllo sul campo di battaglia “reale” è ancora strategico. Pensiamo all’esempio in cui si debba promuovere un corso per studenti della terza età: quasi certamente le persone anziane non utilizzano con assiduità internet; in questo caso, come in molti altri, il cartaceo è ancora attuale. Per aumentare visibilità, quindi nuovi clienti si potrebbe elaborare un volantino ed una locandina: facendo attenzione che in questo caso, la comunicazione è piuttosto simile ma non uguale. Evitiamo l’errore di replicare la stessa impostazione grafica: la locandina deve avere tutte le informazioni necessarie ben visibili e contenute su una facciata, mentre il volantino ha due facciate da giocarsi! Utilizzare una società professionale per svolgere l’affissione e la diffusione del materiale promozionale. Collaborazioni Potrebbe essere un buon spunto pensare a creare delle partnership con altre realtà (o professionisti) che offrono corsi che si possono ben collegare a quelli della tua offerta formativa. Ad esempio se proponi lezioni sul Web Marketing, potrebbe essere interessante mettere in vendita anche lezioni sul SEO. Questo aumenterebbe le probabilità di un aumento dei corsisti, con risultati inaspettati! www.diariodellaformazione.it

Commenta