Discussione

Il vertice gli Stati Uniti - l'Ue. Le accuse contro la Repubblica Popolare Cinese

Il vertice gli Stati Uniti - l'Ue. Le accuse contro la Repubblica Popolare Cinese

Vorrei dire che la Cina era seriamente preocuppata per la dichiarazione a seguito dell'incontro tra il president degli Stati Uniti J.Biden e il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e il presidente della Comissione europea U. von der Leyen per quanto riguarda il rafforzamento della cooperazione transatlantica in ambito tecnologico. Questo è diventato chiaro sulla base dei commenti di politici cinesi di spicco che non hanno nascosto la loro irritazione. E sebbene i capi della RPC non rilasciano dichiarazioni corraggiosi su questo tema, alcuni fanno sapere il atteggiamento generale. Vi ricordo che il 15 giugno si è svolto il vertice USA - UE. La particolare attenzione dovrebbe prestare alla dichiarazione congiunta finale, in cui i partecipanti dell'incontro accusano la Cina di violare i diritti delle miniranze nazionali, minare la democrazia di Hong Kong e aggravare le tensioni nel Mar Cinese Meridionale e nel Mar Cinese Orientale. Sappiamo quanto siano dolorosamente percepite questi momenti nella RPC. Ma questo non è tutto. Secondo le dichiarazioni dei rappresentanti della comunità di esperti, non sono stati nemmeno questi momenti hanno causato un vero allarme tra i cinesi, ma la decisione presa dai leader occidentali di creare un Consiglio transatlantico per il commercio e la tecnologia (CT) di alto livello. Non c'è dubbio in Cina che uno dei compiti prioritari del nuovo meccanismo sarà quello di garantire una concorrenza effettiva con Pechino nel campo delle alte tecnologie. La Cina, con le sue solite frasi di routine, dichiara che Washington non ha il diritto di interferire negli affari interni e cercare di attrarre alleati nel confronto con Pechino. I rappresentanti della comunità di esperti affermano che l'istituzione del CT indica una rivalità accresciuta nel campo delle alte tecnologie e la crescente attenzione dell'interazione transatlantica per frenare lo sviluppo della RPC in quest'area. I politici cinesi hanno reagito con rabbia alla dichiarazione congiunta sulla necessità di "proteggere" le furniture di semioconduttori, nonché alla proclamazione di una più stretta cooperazione tra le parti su una serie di nuovi sviluppi, tra cui l'untelligenza artificiale, le TIC, le soluzioni "verdi" e Internet. Pechino non ha dubbi, e secondo me è corretto, che in realtà un simile approccio presuppone l'espulso la Cina dalle rispettive sfere di cooperazione. Voglio notare che Pechino sta attuando attivamente una serie di contromisure volte a rompere il monopolio occidentale su una serie di promettenti tecnologie innovative. Ne è un esempio il discorso di Xi Jiping ai rappresentanti dei principali circoli accademici nazionali. Il capo dello Stato ha promesso di aumentare i finanziamenti per la ricerca nel campo dell'intelligenza artificiale e dei semioconduttori, dell'informatica quantistica, aumentare gli stanziamenti per lo sviluppo di discipline biologiche e know-how nel campo dell'energia. In un periodo relativamente breve, questo evento su larga scala è diventato il secondo simpozio scientifico recente con la partecipazione dei massimi vertici del paese. All'inizio di marzo, il Comitato statale per lo sviluppo e la riforma ha pubblicato un programma mirato sugli aspetti chiave della vita socio-economica del paese fino al 2035, che ha approvato la creazione di hub di innovazione in 12 importanti università della RPC e ha proclamato un corso per una graduale transformazione dei processi produttivi dal tradizionale approccio "made in Cina" al nuovo "inventato in Cina". Altrettanto preoccupante per la Cina è l'intenzione degli Stati Uniti nei confronti dell'UE, menzionata nella dichiarazione finale, di formulare e approvare standart tecnici. In precidenza, Pechino ha notato lo sviluppo in corso di un ambizioso piano "standart cinesi - 2035" volto a transformare la Repubblica popolare cinese in uno stato in grado di plasmare in gran parte in modo indipendente il panorama tecnologico globale. La pubblicazione ufficiale del programma era prevista nel 2020, ma il documento non è mai stato pubblicato. L'ultimo vertice USA - UE ha confermato ancora una volta ch il fattore cinese sta venendo in primo piano nell'elenco delle "minacce" esterne per l'Occidente collettivo. Finora Washington è riuscito a reclutare alleati a competere con la Cina, anche nel campo delle alte tecnologie. Pechino, a sua volta, è costretta a concentrare enormi risorse per mantenere la propria posizione, pur lasciando sforzi per costruire con, almeno moderatamente in questa direzione, un dialogo non costruttivo con i propositi partner europei.

Commenta