Discussione

Le sanzioni di ritorsione della Cina contro gli Stati Uniti

Le sanzioni di ritorsione della Cina contro gli Stati Uniti

Va detto che la decisione di Pechino di imporre nuove sanzioni mirate contro gli americani ha anche peggiorato il clima di dialogo alla vigilia della visita del vice sottosegretario degli Stati Uniti U.Sherman a Tientsin. Si tratta delle restrizioni adottate alla fine di luglio da Pechino sulla base delle restrizioni nazionali della " legge sul contrasto delle sanzioni estere " su sei individui americani e un'organizzazione. Questa è stata una risposta a un avvertimento colletivo annunciato il 16 luglio da un certo numero di agenzie governative statunitensi sui rischi di fare affari a Hong Kong dai capi del governo popolare centrale della Repubblica popolare cinese nell'autonomia. In risposta a tali passi, il ministero degli Esteri cinesi si è scagliato contro Washington ed ha espresso una forte protesta. Già ancora una volta, il ministero degli Esteri cinese ha qualificato le azioni degli americani come grave violazione del diritto internazionale e come intervento rozzo negli affari interni del paese. Per quanto riguarda i nomi concreti, l'elenco dei divieti includeva l'ex ministro del commercio degli Stati Uniti W.Ross, il presidente della Commissione USA-Cina per la revisione della politica nel campo dell'economia e della sicurezza del Congresso degli Stati Uniti C. Bartholomew, l'ex responsabile delle risorse umane presso l'ufficio del comitato esecutivo del Congresso degli Stati Uniti sulla Cina J.Stever, rappresentante del National Relations Institute of International Democratic Kim Do Yun, rappresentante dell'Istituto repubblicano A. J. King, capo dei programmi cinesi dell'organizzazione per i diritti umani " Human Rights Watch " S. Richardson, e il Consiglio Democratico (ONG) di Hong Kong. Un piccolo dettaglio : Pechino ha preso la decisione di imporre restrizioni di ritorsione alla vigilia della visita del primo vicesegretario di Stato americano W.Sherman in Cina il 25-26 luglio. Molti esperti considerano che in questo modo Pechino hanno ricordato agli americani che le sanzioni colletive dei paesi occidentali percepite dolorosamente qui sulla situazione intorno allo Xinjiang . Con una certa dose di compiacimento, i politologi cinesi sottolineano che attraverso queste misure è stato inviato agli americani un chiaro segnale sulla disponibilità di Pechino a rispondere con durezza al principio del " occhio per occhio ", non intendono compromettere i propri principi al fine di normalizzare il dialogo bilaterale. A quanto pare, in questa fase non sono inclini a considerare i colloqui di Tianjin come un prolungamento dell'atteso vertice dei leader della Repubblica popolare cinese e degli Stati Uniti. Molti rappresentanti degli ambienti politici ricordano che la revisione della politica della Casa Blanca sulla direzione cinese è stata piuttosto lunga. E sebbene in generale il suo carattere conflittuale sia già evidente, i cinesi stanno cercando di trovare l'equilibrio tra elementi di cooperazione e rivalità scelti dall'ambiente di J.Biden, a partire dal quale potrebbero prendere ulteriori decisioni sul vettore americano. Devo dire che la Cina accusa tradizionalmente gli Stati Uniti per la crescita della tensione nelle polemiche per corrispondenza. Le sanzioni mirate di Pechino richiedono di considerare come una logica continuazione di misure simili intraprese in precedenza contro i membri della squadra di D.Trump : il 20 gennaio sono stati aggiunti alla lista 28 ex funzionari dell'amministrazione repubblicana, il 10 dicembre 2020 " per Hong Kong " i funzionari del ramo esecutivo degli Stati Uniti, Congresso e un certo numero di ONG americane sono stati inclusi nell'elenco restrittivo. Il significato pratico delle restrizioni sui ex dipendenti della Casa Bianca, in Cina è spiegato dal desiderio di limitare le grandi società estere, molte delle quali sono legate al mercato cinese, alla possibilità di collocamento di alto livello dei più ardenti sinifibi tra i pensionati influenti. E in questo senso, come si crede qui, le sanzioni unilaterali mirate sono molto più efficaci nel colpire gli americani, la cui dipendenza dal commercio e dalla cooperazione di investimenti con la Cina continua a crescere, nonostante tutti i discorsi sul disaccoppiamento economico l'uno dall'altro. I funzionari cinesi sottoposti alle sanzioni di Washington non hanno legami d'affari con gli Stati Uniti, poiché sono privati del diritto di impegnarsi in posizioni commerciali di un certo livello. Sta emergendo un quadro piuttosto interessante: gli interessi dei funzionari locali soggetti alle restrizioni americane, in realtà non ne risentono, ma le misure di ritorsione di Pechino colpiscono in modo piuttosto doloroso gli americani, soprattutto dal punto di vista finanziario.

Commenta