Discussione

La programma 101 della Olivetti, una storia straordinaria

Un'altra bella storia che vale la pena raccontare, quella della "Programma 101" (ogni riferimento è puramente casuale :-D ) La grande invenzione di poche grandi menti italiane, che lavoravano presso la Olivetti.

Commenta
 

Vi sono molte analogie tra Adriano Olivetti e Steve Jobs. Nel 1954, il cofondatore della Apple non era ancora nato e in quello stesso anno, Olivetti, oltre a vincere il Compasso d'Oro, diede incarico agli architetti Peressutti, Rogers e Barbiano di progettare un negozio sulla Fifth Avenue di New York. In questo negozio furono esposte le visioni e le intuizioni di uno dei più grandi imprenditori italiani, che anticiparono di una cinquantina d'anni i più conosciuti Apple Store e che furono motivo d'ispirazione per una delle più grandi aziende della storia dell'informatica.

 

Caspita che storia affascinante, questa mi mancava! Grazie per avermela fatta conoscere! È proprio un contributo interessante a questa discussione, speravo proprio che qualcuno tirasse fuori delle curiosità di questo tipo!

 

Questa è la seconda parte del video della "Programma 101". Un plauso all'ingegnere Pier Giorgio Perotto (in omaggio al quale assunse il soprannome di Perottina), insieme a Giovanni De Sandre e Gastone Garziera, senza dimenticare il designer Mario Bellini, che gli conferì un disegno avveniristico per gli anni Sessanta.

 
Immagine di Daniele Toesca Studio

Nella foto il gruppo di progettisti della Olivetti "P101": Pier Giorgio Perotto, Giovanni De Sandre, Gastone Garziera, Giancarlo Toppi - courtesy Gastone Garziera "Sognavo una macchina che sapesse imparare e poi eseguire docilmente, che consentisse di immagazzinare istruzioni e dati, ma nella quale le istruzioni fossero semplici e intuitive, il cui uso fosse alla portata di tutti e non solo di pochi specialisti. Perché questo fosse realizzabile, essa doveva soprattutto costare poco e non essere di dimensioni diverse dagli altri prodotti per l'ufficio, ai quali la gente si era da tempo abituata". Pier Giorgio Perotto

 

Caspita che forte! Quanti particolari che conosci! La Perottina è micidiale, mi fa piegare dal ridere :-)

 

È incredibile come il popolo italiano sia potuto passare da personaggi del calibro di Leonardo Da Vinci, Puccini, Olivetti, Meucci ecc. a roba come Schettino, bunga bunga, mafia ecc. Speriamo che la ruota continui a girare e la storia ci regali altre personalità come le prime che ho menzionato.

 

Mai dire mai! Tutto può succedere. Però, se oggi nascesse un nuovo Leonardo probabilmente sarebbe troppo distratto dalle tentazioni di Internet o dalla spazzatura che trasmettono in televisione, dubito che riuscirebbe ad inventare qualcosa... 😁