Discussione

L'odore dell'astio

Mi fa schifo, quell'odore putrido che ti chiude le narici e che ti fa sentire sporco dentro soltanto per averlo percepito; mi è capitato poche volte di sentirlo ma recentemente mi ha impestato completamente. Ogni minuto che passa lo sento più forte: l'odore del disprezzo e della rabbia. Brucio, fa male, il fuoco mi sta divorando in un solo boccone; non è sdegno verso altri ma verso me stesso. È un mio vizio rovinare tutto: non volevo lo diventasse ma ormai fa parte di me. Sono egoista ed un inutile pedina per chiunque, sia per il sistema che per le persone. Sono sempre stato usato e fatto sentire speciale per qualche giorno fino a che non servivo più: allora come ogni vecchio giocattolo finivo nel dimenticatoio fino a quando non occorrevo nuovamente. Ho uno specchio davanti, una forma-pensiero mi si presenta dinanzi. Un dubbio mi attanaglia alla gola: “Chi è mio interlocutore?” mi ripeto, finchè non realizzo che sono io stesso che balbetto parole inizialmente incomprensibili che poco dopo incominceranno a prendere un significato vero e proprio. “TE LO MERITI!” mi ripeteva più volte la figura, “È STATA TUTTA COLPA TUA, SEI TU IL CARNEFICE DI TE STESSO!”, continuava. Non capivo a cosa si riferisse, fino a che un imponente verità mi si pose davanti e finalmente capii: sì, era tutta opera mia e l'ho capito solo ora; la mia mano ha agito, e la mia bocca ha espresso parola. Brucio, fa male, il fuoco mi sta divorando in un solo boccone. Oramai sono cenere.

Commenta
 

Ciao Gli_sfoghi_di_Daleth, benvenuto nella community di One Hundred One! Ho letto questo tuo racconto e mi è piaciuto, grazie per averlo condiviso qui :-)