Discussione

Novembre: mese del diabete

Oggi ho deciso di parlarvi di una malattia metabolica, anzi la più famosa tra le malattie metaboliche: il diabete, prendendo come spunto il fatto che novembre è il mese dedicato al diabete e in particolare il 14 è la giornata nazionale. Come anticipato: il diabete è la più diffusa tra le malattie metaboliche. La sua insorgenza è strettamente legata ad un ormone l'insulina, che fa un sacco di cose fighissime, tra cui controllare i livelli di zucchero nel sangue. Precisiamo meglio: il diabete può dipendere da una ridotta disponibilità di insulina (la cui produzione non soddisfa le esigenze dell'organismo), dalla scarsa sensibilità all'ormone da parte dei tessuti bersaglio o, infine, da una combinazione di questi fattori. Una caratteristica clinica del diabete è l'iperglicemia, cioè livelli di zucchero nel sangue molto alti, risultante dalle suddette alterazioni a carico dell'insulina. Esistono tre tipi di diabete: diabete mellito di tipo 1, diabete mellito di tipo 2 e diabete gestazione. Nel caso di diabete mellito di tipo 1 il sistema immunitario attacca le cellule adibite alla produzione di insulina, le cellule beta nelle Isole Langheras del pancreas, distruggendole, motivo per cui i soggetti che ne sono affetti devono provvedere alla somministrazione del l'insulina tramite microinfusore o penne da insulina e monitorare costantemente la glicemia (livello di zucchero nel sangue) tramite appositi apparecchi sanitari. Il diabete mellito di tipo 2 è di gran lunga la forma di diabete più frequente (interessa il 90% dei casi) ed è tipico dell’età matura. È caratterizzato da un duplice difetto: non viene prodotta una quantità sufficiente di insulina per soddisfare le necessità dell’organismo (deficit di secrezione di insulina), oppure l’insulina prodotta non agisce in maniera soddisfacente. Come nel caso del diabete di tipo 1 è necessario il monitoraggio della glicemia tramite il glucometro. Il diabete gestazionale è invece una forma di diabete che sorge nelle donne in gravidanza. Il diabete, sia nel caso di quello di tipo 1, sia nel caso di quello di tipo 2, è una malattia con cui si può convivere e bene, anche se spesso non è facile. Bisogna seguire una terapia e far sì che i livelli di glucosio non sia né troppo alto né troppo basso, perché altrimenti si potrebbero avere gravi danni all'organismo. Un consiglio: se una persona vicino a voi è affetta da diabete, non spaventatevi, ma fatevi spiegare di cosa si tratta in modo da poterla aiutare nel caso si verifichi la necessità.

Commenta
 

Ma come fai a sapere tutte queste cose? Sono sbalordito! Ti interessi di medicina oppure, come hai accennato nelle ultime due righe hai qualcuno vicino a te che soffre di diabete? Ad ogni modo sei una sorpresa continua Elena.

 

Nella mia famiglia il diabete è una costante e sono diabetica anch'io, tipo 1. Avrei potuto scrivere molte più cose, tipo che per quanto riguarda quello che ho io, non è causato dal consumo eccessivo di dolci o come si vive con il diabete. Ma novembre ha 30 giorni e io ne ho ancora 26 per parlarne.

 

Ahhh ecco svelato il mistero! Caspita, dev'essere dura per te avere il diabete, o no? Non ne ho proprio idea. Ricordo che i miei nonni lo avevano, ma suppongo si trattasse di quello che viene alle persone di una certa età.

 

In realtà non più di tanto, ma io sono una di quelle che dice sempre "c'è di peggio". Ci sono delle limitazioni, ma ci si vive abbastanza bene

 

Mi rasserena sapere che si tratta di qualcosa con la quale riesci a convivere e che non è così grave per te. Comunque siamo simili: anche io dico e penso sempre "c'è di peggio" :-) Che tempo fa lì da te? Io vivo in un paesino sperduto nell'entroterra ligure, la nebbia è una costante qui.

 

Caldo, troppo per essere il 4 novembre. Si esce tranquillamente con una maglia a maniche lunghe e ci sono ancora zanzare in giro

 
Immagine di Mattia Moraldi

Ma pensa te! Io qui ho già acceso la stufa da settimane! Chissà che bello che dev'essere lì da te. Guarda che nebbia che c'è qui e oggi va ancora bene, spesso non si vede nemmeno la montagna 😑

 
Immagine di Elena

Questa è di qualche giorno fa. Come vedi qualche nuvola, ma aria fredda proprio no. Non dico che ci sono 40 gradi, ma 20/25 di giorno si

 

Che bello, quando il cielo è di quel colore a metà tra il giorno e la notte è il mio momento della giornata preferito. Per curiosità, da dove hai scattato la foto, eri su un deltaplano 😆 oppure vivi in una parte più alta rispetto al resto del paese? Comunque sembra un posto molto carino, se poi ci sono temperature così piacevoli è il massimo, sei fortunata.

 

Ero nel mio punto preferito, che è un po' più in alto rispetto al resto del paese. Nessun deltaplano o parapendio

 
Immagine di Mattia Moraldi

Si vede un bel panorama da lì, mi piace. Io ho scherzato parlando di deltaplano, tu hai aggiunto parapendio, questo mi fa pensare che sia uno sport che ti piace, ho indovinato? Se fosse così, in questo saremmo diversi perché io e la parola rischio siamo agli antipodi 😁 Comunque anche io ho un posto preferito qui, nonostante la nebbia, ma non ci vado da anni, si trova in mezzo al bosco. Su Internet ho trovato una sola foto ma non rende giustizia, ci vuole mooooolta fantasia per immaginare tutto quello che nella foto non si riesce a vedere. Comunque, condivido la foto qui, tanto per darti un'idea...

 

In realtà non sono sport che ho mai praticato, anche perché soffro di vertigini, per cui sarebbe per me un'impresa ardua

 

Mi sento molto più tranquillo ora, il solo pensiero di qualcuno che si stacchi da terra per fare parapendio o cose del genere mi mette i brividi!

 

Eccola! Ho ritrovato la discussione nella quale ti avevo mostrato la nebbia che si vedeva dal mio terrazzo. Ora voglio farti vedere lo stesso panorama, guarda che cambiamento :-)

Ore 7.48 del mattino di mercoledì 6 gennaio 2021, montagne e tetti innevati a Carpasio, manco fossimo a Courmayeur :-D