Discussione

Trapani, Sicilia

Trapani, Sicilia

La forma allungata a falce di Trapani, mentre si curva elegantemente nel mare, ispirò i primi coloni: gli Elimi, di estrazione fenicia, chiamarono la città Drepanon, che tradotto significa "falce". La leggenda narra che Demetra, dea dei raccolti e dell'abbondanza, mentre cercava la sua perduta e amata figlia lasciò cadere la falce in un momento di disperazione, e cadendo a terra e sbarcando in riva al mare, Trapani crebbe al suo posto, conservando la la falce della dea. Miti a parte, Trapani è il porto perfetto, e villaggio di pescatori, essendo adagiato su una bassa penisola che si estende ad arco nel mare, le abitazioni della città si fondono in pianure di saline, preziose per l'economia della regione. Al di là, la solitaria pianura punteggiata di mulini a vento di epoca medievale, si estende il mare aperto che si protende fino all'orizzonte, punteggiato solo dalla bellissima vetta del monte Erice e dalle Isole Egadi. Trapani, oltre all'antico commercio di tonno, pesca e sale, si occupa anche di olive e vino, e negli ultimi anni ha cominciato a fiorire. Attualmente, la provincia di Trapani produce più vino di Austria, Cile, Ungheria o della regione Toscana. Trapani è il punto più strategico della Sicilia occidentale in quanto è l'unico grande porto. Così per i vari invasori memori del suo fertile potenziale e della sua posizione geografica, è stato considerato un piccolo ma degno premio. Dopo l'epoca dei Greci in cui Trapani era una colonia minore, divenne un centro commerciale per i Fenici prima di diventare un cardine cardine dell'impero cartaginese. I Romani, veloci come sempre nell'individuare un sito di pregio, sconfissero poi i Cartaginesi nella battaglia delle Isole Egadi e presero la città, utilizzandola come piccola stazione commerciale. Dopo l'invasione e la scomparsa dei Vandali, la città riprese un po 'durante la dominazione bizantina, fino all'830 d.C. quando per la prima volta la città iniziò a prendere piede sotto i musulmani che la ricostruirono virtualmente, racchiudendola con mura su tutti i lati , e dandogli un unico piano stradale peculiare agli arabi, che si trova in diverse città siciliane. Gli arabi aumentarono anche la prosperità della città con la crescita della produzione di sale, tonno e corallo, oltre a introdurre un sistema di irrigazione aumentando così la produttività alimentare della città. I Normanni continuarono a sviluppare le potenzialità della cittadina, assegnandole il titolo di "Città Reale". Così questa pittoresca cittadina di posizione per eccellenza, crebbe in prosperità per tutto il periodo arabo e normanno. Durante l'era del dominio spagnolo, la produzione e la decorazione del corallo della città crebbero insieme all'estrazione e all'esportazione del marmo. Come porto, la città aveva sempre goduto del beneficio delle dogane che ne garantivano una costante alla prosperità cittadina. Carlo V ristrutturò le mura di Trapani aggiungendo un profondo fossato e un canale intorno alla città per proteggerla dagli attacchi. Alla fine del Settecento fu abbattuto e le mura allungate fino alla base del monte Erice. Da questo momento in poi, la città si espanse indiscriminatamente e senza pianificazione, e purtroppo continua a farlo. Estendendosi per chilometri dal centro cittadino, lungo la costa fino a Marsala, intervallato da mulini a vento del XVII secolo che si ergono come sentinelle solitarie lungo la costa, è una striscia irregolare di collinette bianche che ondeggia tumuli e valli. Trapani è la patria di un antico e unico commercio di sale e ha un museo che celebra questa tradizione. I Fenici iniziarono la produzione di questo prezioso minerale, che era stata continuata anche se in qualche modo modificata fino ad oggi. Oltre alla sua atmosfera inquietante e al valore pittoresco, l'area ospita circa 170 specie di uccelli, tra cui aironi fenicotteri, cicogne e gru e come tale è protetta dal World Wildlife Fund. Le risorse di Trapani in antiche bellezze testimoniano il passaggio di innumerevoli tradizioni e generazioni corse nel corso dei secoli. Un elenco limitato includerebbe la Cattedrale, dedicata a San Lorenzo, costruita nel XIII secolo e successivamente resuscitata nel caratteristico stile barocco siciliano. Il Santuario dell'Annunciazione, è la chiesa più grande edificata nel Tredicesimo secolo, che unisce alla forma gotica un imponente campanile barocco, all'interno ospita la cappella per pescatori e marinai (pertinente alla città in quanto nei secoli la pesca è stata un base per la città economicamente e come professione). Il Palazzo della Giudecca nel Ghetto Ebraico, costruito nel 1500, in "stile catalano" con una torre e finestre finemente decorate, è uno dei simboli più importanti della residenza ebraica in Sicilia.

Commenta
 

Ciao Riccardo, come sempre hai pubblicato qualcosa di meraviglioso, ho letto proprio volentieri. In questi giorni ho poco tempo ma ho trovato un attimo per leggere. Veramente un posto stupendo Trapani. Un patrimonio culturale immenso di cui ignoravo l'esistenza. Grazie per avermelo fatto conoscere.