Granoblio

 

Vetro e carta alle stelle. Così anche il vino in bottiglia costa di più

Amari calici. A vanificare il rialzo record del 2021 (+13 per cento) dell’export di vino italiano, si sono messi di traverso vetri e cartoni, ferro e carburante alle stelle. Una lista indigesta che rischia di far saltare il tappo anche al mercato interno. Mercato che ha superato i 2,8 miliardi di euro per quanto riguarda le vendite nella grande distribuzione, con gli spumanti in crescita del 18,4 per cento. «La situazione è molto complicata, sia per la guerra in corso sia per i continui aumenti dei costi energetici che si riflettono su produzione e trasporto. Ma anche sulla capacità di spesa dei consumatori, sempre più intaccata», spiega Micaela Pallini, presidente Federvini. «A questo si aggiunge la difficoltà di reperire materia prima come vetro e carta fondamentale per commercializzare il vino. L’Ucraina, per esempio, è un anello importante di questa filiera e, con le fabbriche chiuse, sono venuti a mancare i rifornimenti di bottiglie e di alluminio. Se all’inizio dell’anno gli... Continua a leggere

https://www.my101.org/altro-profilo.asp?u=742