101

 

IBM sceglie Mind The Value come top partner e sbarca nel mondo del process mining

IBM sceglie Mind The Value come top partner e sbarca nel mondo del process mining

Mind The Value è stata scelta come partner da IBM, leader mondiale del settore informatico e dei big data, per la sua prima esperienza nel mondo del Process Mining. Questo grazie alla sua consolidata esperienza nell’utilizzo di myInvenio, tool di process mining acquisito da IBM per assicurare ai propri clienti un prodotto d’eccellenza. Da questa acquisizione è nato il nuovo IBM Process Mining, oggi disponibile per tutte le aziende che vogliono raggiungere l'ottimizzazione operativa grazie all’analisi data-driven dei processi. Da gennaio 2022 è iniziata la partnership tra Mind The Value, azienda specializzata in business consulting e system integration, e IBM, che per la prima volta entra nel mercato del process mining. Tramite l’acquisizione di myInvenio, IBM lancia IBM Process Mining al fine di supportare le aziende con un nuovo strumento che permetta loro di ottenere una maggiore comprensione di tutti i processi aziendali e ottimizzarne tempo e risorse. In particolare, date le sue funzioni di Process Workflow, IBM Process Mining, opportunamente connesso all’ERP aziendale, consente di visualizzare le mappe dei processi aziendali, di identificare le inefficienze e le risorse coinvolte nei flussi di lavoro e infine di ottimizzare e automatizzare i processi aziendali. I dati raccolti vengono elaborati secondo una logica di modello e tradotti in correlazioni e relazioni causa-effetto, creando automaticamente una mappa dei processi di facile consultazione da parte degli utenti. La partnership tra IBM e Mind The Value Da quasi un anno, il team di Mind The Value collabora in sinergia con IBM ponendo le basi per una partnership proficua e duratura. Dopo la nascita della piattaforma di process mining di IBM, le due aziende hanno realizzato diverse iniziative di promozione del prodotto e di analisi dei risultati. Sono state numerose le sessioni di Build Hub organizzate presso gli IBM studios di Milano dove sono stati coinvolti importanti clienti provenienti da industrie diverse. Mind the Value ha inoltre avviato un programma di formazione interna per costituire un centro di eccellenza focalizzato sulla soluzione IBM Process Mining e sulla sua integrazione al fine di proporre ai propri clienti una squadra di professionisti specializzati nella soluzione e nelle sue applicazioni. Inoltre, durante l’esperienza di utilizzo sul campo di IBM Process Mining, Mind The Value ha sviluppato un connettore con SAP. Lo strumento, se installato nel sistema ERP del cliente, permette di configurare diversi estrattori attraverso un’applicazione web di facile configurazione anche da parte di utenti non esperti. I target di questo progetto sono le aziende che vogliono crescere in termini di valore partendo proprio da analisi dettagliate dei loro processi interni, usando uno strumento completo ma semplice. Lo scopo di questa collaborazione è ben spiegato dalle parole Massimo Sorrenti, Partner di Mind The Value: “Il nostro obiettivo è quello di accompagnare il cliente nel processo di ottimizzazione tramite supporto business e tecnologico in un’ottica integrata e funzionale”. I settori industriali principalmente interessati sono quelli dedicati a servizi, IT, la produzione di beni di consumo, l’high tech e la produzione industriale, focalizzandosi ma non limitandosi ad aree come la supply chain (acquisti, logistica e produzione), amministrazione finanza e controllo ed HR. Che cosa è il Process Mining? Il Process Mining aiuta le aziende a prendere decisioni più rapidamente puntando al miglioramento dei processi grazie agli approfondimenti basati su dati forniti da specifici algoritmi di data mining. Permette, infatti, di analizzare tutti i processi aziendali tracciando punti di forza o debolezza sui quali lavorare, partendo da una base dati reale. IBM Process Mining è lo strumento permette di fare tutto questo. Mind The Value Fondata nel 2011 da un gruppo di imprenditori con esperienza nel settore della consulenza aziendale e della system integration, Mind The Value guida l’innovazione e la trasformazione aziendale fornendo servizi di ottimizzazione di processo e implementazione di tecnologie a supporto.

Leggi tutto

 

DELEGARE

Nella vita ci capita spesso, dato i molteplici impegni che abbiamo, sia familiari, che sociali e lavorativi di dover delegare ad altri certi compiti di varia natura. L’ufficio della delega non è solo quindi un atto amministrativo studiato dai codici. La delega ai nostri giorni serve pure per il ritiro delle analisi per conto terzi per la legge sulla privacy. I tempi stanno cambiando rapidamente e ci rendiamo conto che le persone a cui deleghiamo sia cose di poco conto che cose più importanti non sono completamente cristallini e ligi al dovere. Deleghiamo a nostro fratello l’acquisto di un CD rom e luisi dimentica di comprarlo e ci guarda con una faccia impassibile, di marmo senza chiederci scusa per la disattenzione e dimenticanza, facciamo fare al commercialista alcune operazioni di donazione e lui si dimentica alcuni passaggi, chiamiamo il tecnico informatico per alcuni guasti alla connessione e lui si scorda di venire a fare l’intervento., deleghiamo a una nostra zia la potatura delle rose del nostro giardino dopo che lei si è offerta e vantata di essere esperta e lei lo fa in modo imperfetto, costringendoci a scegliere una altra strada, a fare un altro tipo di intervento. Con voce ferma deleghiamo a una amica l’acquisto di alcune medicine ma lei si sbaglia e ci porta altri tipi di farmaci. Deleghiamo alla badante alcune incombenze che lei non porta a termine o tralascia. Deleghiamo al giardiniere di raccogliere le olive della nostra tenuta e lui non lo fa e dopo si schermisce furbescamente adducendo delle scuse, di essere stato richiamato altrove ma almeno se aveva senno poteva avvertirci. Compriamo degli oggetti su internet e ci vengono recapitate cose fax simili ma non uguali a quelle richieste, alla fine era meglio se andavamo noi di persona a fare l’acquisto. In certe occasioni deleghiamo dei colleghi all’apparenza credibili per comprare un regalo a un collega che va in pensione, e questi comprano oggetti diversi da quelli da noi indicati. Sembra che ci muoviamo in un ambiente governato dalla superficialità e dalla mancanza di scrupolo. Deleghiamo una persona a portare un regalo ad un'altra e questa non si presenta a destinazione e nemmeno ci avvisa del mancato recapito facendoci fare una figuraccia. Spesso anche nella conclusione di affari importanti se deleghiamo altri passiamo dei guai. Gli altri sono disattenti, volubili. Noi stiamo sempre in pena, attendiamo ansiosi che tutto vada in porto. Certe attese ci sfibrano, ci tolgono il sonno. Gli altri non sono costanti, precisi. Deleghiamo una amica a fare la spesa perché abbiamo l’influenza e questa si presenta tardi, ci porta prodotti che non consumiamo, ci lascia scocciata le buste sulla soglia come per invitarci una prossima volta a lasciare perdere. Qualche amico ci fa del favori e non solo è maldestro ma pretende una ricompensa, un regalo, dobbiamo per lo meno pagare la benzina del viaggio. Molti delegati accampano pretese anche assurde. Delegare può essere costoso oltre che nocivo. Anche i familiari si comportano in modo misero, ci fanno attendere, ci prendono in giro, ci riempiono di bugie e disattenzioni. Deleghiamo un parente per fare un regalo di nozze e questo compra solo cose che piacciono a lui spendendo più della cifra stanziata in origine. Deleghiamo un parente per l’acquisto di un cuscino funebre per un funerale e questi compra una piccola corona insignificante. Ci sentiamo atrocemente presi in giro, raggirati. Anche se deleghiamo in figlio, un parente abbiamo risultati scadenti inferiori alle aspettative. Gli altri non sono corretti visto che non si tratta di loro, non hanno talento e predisposizione ad assecondarci. Ogni volta abbiamo un presagio negativo. Tutto si consuma all’insegna della indifferenza e negligenza. I contatti umani rivelano solo distanze abissali. In certi contesti non possiamo trattenere un sorriso e abbassare gli occhi. Non possiamo fare niente, tanto vale sciogliere stemperare la tensione. Gli altri sono instabili, volubili, non prestano attenzione alle nostre parole, sono egoisti, indifferenti. Deleghiamo a una sorella l’acquisto di un abito da cerimonia e lei ci compra un completo ridicolo e per lei invece un abito di lusso. Sembra che si siano sempre degli ostacoli. Deleghiamo nostro marito o moglie a pulire l’auto e loro si dimenticano presi da altri impegni. Deleghiamo il coniuge ad andare alla riuniuone scolastica dei figli e lui non si presenta senza neppure avvisare. L’unica giusta soluzione è ovviamente cercare di fare tutto da soli e delegare a questo punto il meno possibile.

Leggi tutto

 

“Christmas King” è il nuovo album di Babibevis, un preziosissimo regalo da scartare sotto l’albero

“Christmas King” è il nuovo album di Babibevis, un preziosissimo regalo da scartare sotto l’albero

Come annunciato nei primi giorni di Novembre, in occasione dell’uscita del mini EP apripista “Profumo di Natale” contenente i singoli "Amen", "Heightended Love" e "Natale sei Tu", Babibevis pone la sua voce al servizio della magia del Natale per donare a tutti noi pace, armonia e serenità in “Christmas King”, il suo nuovo emozionante album. Sedici tracce, profondamente intrise di speranza, amore e meraviglia, che ci conducono verso la Festività più incantata dell’anno, ove sogno e realtà viaggiano all’unisono ricordandoci che, anche da adulti, è possibile osservare il mondo, se stessi e chi ci circonda, con lo stesso stupore che aleggia nello sguardo di un bambino e, proprio come un bambino, viverlo senza la necessità di comprenderlo per forza, allontanandoci consapevolmente dal giudizio, dai preconcetti e da tutto ciò che, crescendo, ha fatto sì che smettessimo di sorprenderci ogni giorno della straordinaria semplicità della vita. Un viaggio tra sonorità e culture differenti per ricongiungerci alla parte più autentica e sincera del nostro essere, guidati dalla sublime vocalità di uno degli artisti più sensibili, raffinati e coinvolgenti della scena italiana, che è riuscito a scardinare, con la potente purezza del cuore, la concezione che nel 2022 risulti obsoleto raccontare e raccontarsi con elegante pathos, trasformando gratitudine, emozioni e sentimenti nelle più attuali e catchy delle tematiche musicali. Fin dalla delicatissima carezza sensoriale dell’opening “Jesus Christ”, Babibevis accompagna l’ascoltatore in un percorso introspettivo, fortemente animico, in cui musica e battiti sono l’una la linfa degli altri: 16 stazioni lungo il binario del nostro sentire, ove sostare per rigenerarsi posando a terra i bagagli delle etichette, dei sensi di colpa e di tutte quelle inadeguatezze che per troppo tempo non solo hanno fatto parte del nostro cammino, ma l’hanno governato, manovrato e diretto, impedendoci di scorgere il nostro vero itinerario, quello che ciascuno di noi, ascoltandosi nel profondo, senza condizionamenti, sceglie di intraprendere per e con se stesso. Un dono, quello del cantautore africano naturalizzato italiano, che valica l’accezione di regalo fine a se stesso per identificarsi e connaturarsi in un presente che proprio nel qui ed ora esprime il suo pieno potenziale, perché è nel e dall’oggi che abbiamo la possibilità di riscoprirci oltre la coltre delle definizioni e delle critiche che, per troppe stagioni, abbiamo riservato alla nostra persona e, di conseguenza, a tutte quelle che fanno parte del nostro piccolo ma preziosissimo mondo. «Per diversi anni – dichiara l’artista - ho chiesto al mio cuore di sussurrarmi il momento giusto per pubblicare un album di Natale, un album che potesse far cantare, ballare e festeggiare tutte le famiglie, gli amici, gli innamorati, tutti voi, ricordando la nascita del figlio di nostro Dio, Gesù Cristo. Solo due anni fa, in un periodo di fermo e di grande silenzio interiore, il sussurro ha fatto eco dentro me e finalmente quest'anno posso celebrare con voi il mio primo, intimo e prezioso, progetto interamente dedicato al Natale, “Christmas King”. Il periodo natalizio, da sempre, mi riempie di felicità, di gioia, di amore, è uno dei pochi momenti in cui ho la possibilità di stare insieme e condividere l'amore con i miei cari, un amore capace di abbracciare e nutrire, un amore che vive nella semplicità, che guarda ai piccoli gesti, alle sfumature, un amore che, per sua natura, unisce, che riesce, ogni giorno, a mostrarmi il vero senso della vita. Senza questo tipo di amore, che fondamentalmente è l’unico ad esistere e si declina poi in diverse aree del nostro quotidiano, niente per me ha significato: tutto rimane legato a qualcosa di superficiale, di banale, lasciando quell'insoddisfazione e quel vuoto che, per diverso tempo, ho cercato di riempire con cose materiali senza però sentirmi mai davvero realizzato, soddisfatto, completamente sazio. Quando poi finalmente ho volto lo sguardo dentro di me, ed io ne avevo un enorme bisogno, mi sono riconnesso con la mia parte più vera e allora sì, in quel momento tutto è tornato ad essere perfetto nelle sue splendide imperfezioni; tutto è tornato a profumare di vita, quella vita di cui sono follemente innamorato e di cui auguro, a ciascuno di voi, di innamorarcisi sempre di più». Afrobeat, reggae, pop melodico ed elettronica si susseguono in un disco nato per cantare, ballare e festeggiare: in famiglia, con gli amici, con il proprio partner, ma soprattutto, con quel bambino interiore che abita in ciascuno di noi; un album per celebrare a 360 gradi la meraviglia dell’esserci. “Christmas King”, supportato dall’ingresso in rotazione radiofonica di “Jesus Christ”, è disponibile anche in versione fisica (acquistabile qui), un memorandum tangibile che ci rammenta quanto la vera concretezza dell’esistenza sia racchiusa nell’immaterialità dei moti interiori che ci e la compongono. «Siate benedetti, trascorrete un meraviglioso Natale mentre ascoltate il mio nuovo album, sono con voi – augura a tutti, concludendo, Babibevis -. Questo album è il frutto della gratitudine che ho nei confronti della vita, delle persone che mi seguono e che quotidianamente mi dimostrano e mi esprimono sostegno, riempiendomi di pura energia; questo album è musica che profuma di tutti voi». “Christmas King” – Tracklist: Jesus Christ Merry Christmas Christmas King Amen Natale Sei Tu Christmas Gift Heightenden Love This Christmas Best Merry Christmas Money Dreams Come True Christmas Chocolate My Wish Christmas Lover When Christmas Is Over

Leggi tutto

 

L’imprenditoria Italiana incontra quella Spagnola. PREMIO SOSTENIBILIDAD 2022

L’imprenditoria Italiana incontra quella Spagnola. PREMIO SOSTENIBILIDAD 2022

Il 27 settembre scorso nella meravigliosa location El Born Centre de Cultura I Memòria a Barcellona, si è conclusa l’edizione speciale del GoodStyleSpain Sostenibilidad Matching E vent. Dalle creme naturali di InOro Cosmetics , agli Eventi firmati Magnifica Consulting , alla Associació Salut Sense Sostre , agli Ospedali Green di Hinge Rete Impresa e Ma.cro Lifescience Startup Università La Sapienza di Roma , a CUBELess progetto sociale per i senzatetto dell’ Ing. Flavio Di Salvo (Hinge Rete Impresa), a MicrobladingStyle che vede impegnata Elvira Salerno in progetti di bellezza e di estetica sostenibili, alla sicurezza e all’alta qualità e sostenibilità proposte da Gamba Safety e dal Gruppo Binetti , ai progetti ecosostenibili uniti alla selezione e alla profonda conoscenza dei materiali sostenibili di Hinge Rete Impresa , ai preziosi contributi dell’avvocato Isaura Navarro , Salud Pública y del Sistema Sanitario Público , del Prof. Juan C arlos Del Rio , Universitat de Barcelona , del Prof. Jordi Cano , Wallbox Academy , a Valentour Incoming per un turismo sostenibile di elevata qualità in Calabria e Puglia, all’avvocato Daniel Vosseler per una Barcellona più sostenibile e più sicura a favore d elle persone, dei cittadini e dei turisti, alla curatrice d’arte della FAO, Giusy Emiliano , agli Antichi Rifiuti Spiaggiati con la Mostra Archeoplastica , alla Fondazione TotòMorgana , al nostro prezioso Staff: Alessandra, Priscilla, Beatrice, Antonella, Fed erica, Giulia, Angelo, Roberto, Claudio, Massimo, Sandro , ai vari invitati che per La Mercè, quest’anno durata 3 giorni, gli è stato impossibile raggiungerci, ma ognuno di loro ha ricevuto il Premio Sostenibilità 2022 direttamente nella propria sede. Ufficio stampa: PROMARGROUP Tel.: +39 06 92959618 Email: press@promargroup.it Web site: goodstylespain.es

Leggi tutto

 

Claudio Mariano - Il libro “Il bello di cadere”

Claudio Mariano - Il libro “Il bello di cadere”

Lo scrittore presenta il libro autobiografico che tratta il tema delicato riguardante stress, ansia e attacchi di panico. Parte dall’esperienza personale, vissuta e superata dall’autore stesso, il libro “Il bello di cadere” di Claudio Mariano, scrittore originario di Luino, paese in provincia di Varese, situato sulle sponde del lago Maggiore. La storia narrata nel volume tratta un tema delicato, che riguarda disturbi seri e complessi come lo stress, l’ansia e soprattutto gli attacchi di panico, derivati spesso da forti situazioni di shock. Questi disturbi sono molto più diffusi di quanto si creda, e con la recente pandemia, si sono acutizzati e sono diventati maggiormente visibili, anche tra i giovani. L’isolamento, la paura, le continue incertezze sul futuro unite all’incapacità di affrontare situazioni che ci sembrano insormontabili, possono portare ad estremizzare questi disagi. Certamente esistono terapie e supporti specializzati, ma un primo aiuto/riflessione può arrivare leggendo questo libro, dove l’autore svela questa sua parte di vita così intima. Oltre a queste patologie descrive l’importanza che gli stessi disturbi hanno avuto nella lotta per raggiungere una nuova fase di percorso rinascimentale, la cui vittoria ha dato il via alla parte più vera di lui, sbloccandolo da questa prigione. All’interno della narrativa trovano spazio non solo i cenni autobiografici, ma anche consigli pratici e curiosità specifiche, per dare un supporto efficace a quanti si riconoscono in questa tematica. L’intento è divulgare la sua esperienza affinché diventi speranza per chiunque viva queste situazioni, lasciando spazio alla parola “bello”: infatti già dal titolo Mariano evidenzia l’aspetto positivo che lui è riuscito a trovare lungo il percorso di guarigione, trasmettendo dunque fiducia ai lettori nella ricerca di una soluzione, di una via d’uscita. Senza panico, la soluzione si può trovare, il lato positivo è comunque nascosto nell’angolo dell’aspetto negativo, che una volta svelato, sgretola e ridimensiona il tutto, attraverso una nuova visione delle cose. Ed egli stesso cita questo calzante esempio: “Come l’astronomia insegna, la maestosità di una volta celeste sarà più visibile sotto il più buio dei cieli”. L’autore attualmente sta completando gli studi in psicologia delle risorse umane, delle organizzazioni e del lavoro e sta affinando le sue competenze come formatore anche nel campo del “life coaching”, così da poter dare ai suoi clienti/alunni gli strumenti giusti per il raggiungimento dei propri obiettivi di vita. Isabel Zolli Promotion Agency Sede Operativa: via Simone De Saint Bon 47 – Roma

Leggi tutto

 

Italia e la Conferenza di riesame della Convenzione sulle armi biologiche

Italia e la Conferenza di riesame della Convenzione sulle armi biologiche

Per motivo del conflitto diplomatico tra Italia e Francia provocato dalla politica migratoria gli europei abbiamo dimenticato un evento molto importante per la vita politica dei paesi europei. Si tratta dell’inizio della Conferenza di riesame della Convenzione sulle armi biologiche del 2022. Da allora vi hanno aderito 183 stati. È il primo trattato multilaterale che vieta la produzione e l’utilizzo delle armi biologiche. Si svolge a Ginevra dal 28 novembre al 16 dicembre. Partecipano più de 100 paesi de tutto il mondo. Perché bisogna prestare l’attenzione a questa Conferenza? Il fatto è che l’ultima conferenza si svolse nel 2016. Inoltre si pubblicano ultimamente gli articoli dedicati al possibile uso delle armi biologiche in Ucraina. Per questi motivi i politici europei si concentrano alla Conferenza. La Conferenza è presieduta dal Rappresentante Permanente dell’Italia, ambasciatore Leonardo Bencini. Il dibattito generale si è aperto con un video messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, e con un intervento dell’Alta Rappresentante per gli Affari del Disarmo delle Nazioni Unite, Izumi Nakamitsu. Entrambi hanno richiamato l’urgenza che la comunità internazionale investa maggiori risorse per rafforzare i meccanismi internazionali in materia di sicurezza biologica. Il tema principale della Conferenza è dare un giudizio come effettuano tutti i meccanismi della Convenzione sulle armi biologiche e anche formare le misure contro le nuove minacce. Allo stesso tempo gli Stati Uniti e la Russia nuovamente useranno questa piattaforma per risolvere i loro conflitti bilaterali. Il fatto che è la Russia accusa gli Stati Uniti di violare gli articoli della Convenzione e di elaborare le armi biologiche. I russi esigono creare un meccanismo che potrebbe svolgere un'indagine indipendente delle possibili violazioni. Gli Stati Uniti negano tutte le accuse e non sostengono l’idea di creare il meccanismo d’indagine indipendente. Al momento, i meccanismi principali per la verifica dell’attuazione della Convenzione da parte dei suoi Stati membri sono costituiti da un sistema di scambio volontario d'informazioni. Anche il tema successivo di questa Conferenza sarà il uso delle indagini biologiche per lo scopo di pace. Di solito l’Italia mantiene la posizione di eseguire tutti gli articoli della Convenzione e ha inteso rafforzare i legami tra le comunità scientifica e diplomatica affinché di assicurare un appropriato monitoraggio e valutazione degli sviluppi tecnologici e scientifici in campo biologico. Come sappiamo oggi il governo di destra regna in Italia. Gli esperti politici assicurano che il governo di Meloni non va a cambiare la posizione italiana nel organismo internazionale. Per di più le forze italiane parteciperanno attivamente e proporranno una serie di misure per formare immagine positiva del governo di destra. Finisco con le parole di Leonardo Bencini. ”Abbiamo la responsabilità di avere successo. Traendo insegnamento dal periodo pandemico, è più che mai cruciale collaborare su un tema chiave per la pace e la sicurezza internazionale”.

Leggi tutto

 

Nuovo incontro sui Giuseppe Garibaldi

Nuovo incontro sui Giuseppe Garibaldi

Il prossimo 30 novembre sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, sarà disponibile la nuova conversazione , organizzata dal Circolo Culturale “L’Agorà” , avente come titolo “Il mio nome è Giuseppe Garibaldi”. Alla conversazione, organizzata da remoto, parteciperà l’Onorevole Fortunato Aloi. Il gradito ospite del sodalizio organizzatore ha ricoperto il ruolo di docente negli istituti superiori. Dirigente missino e consigliere comunale e provinciale di Reggio Calabria e Deputato della Repubblica Italiana per quattro legislature, ricoprendo prestigiosi incarichi parlamentari, tra i quali quello di Sottosegretario di Stato per la pubblica istruzione dal 13 maggio 1994 al 16 gennaio 1995. Ritornando al tema dell’incontro, relativa all’Eroe dei due mondi, verranno analizzate dall’onorevole Aloi le varie fasi della vita di Giuseppe Garibaldi. Patriota, generale e uomo politico (Nizza 1807 - Caprera 1882). Dopo aver aderito alla Giovine Italia e preso parte a moti insurrezionali in Italia, visse alcuni anni (1835-48) in America, combattendo per l’indipendenza in vari paesi. Rientrato in Italia, partecipò al governo provvisorio di Milano e, dopo la proclamazione della Repubblica romana, nonostante i dissidi nati con Mazzini circa l’atteggiamento da tenere nei confronti di Casa Savoia, ricevette l’incarico della difesa di Roma. Sconfitto dai francesi, fuggì nuovamente all’estero (1849). Al rientro in Italia (1854) si allontanò ulteriormente dalle idee di Mazzini, accondiscendendo a divenire sostenitore della monarchia sabauda finché questa dimostrasse di credere fermamente nella causa italiana e assumendo la guida dell’esercito sardo contro l’Austria (1858-59). Dopo l'annessione da parte del Piemonte di Lombardia, Emilia, Toscana e Romagna, Garibaldi riavviò il processo di unificazione d’Italia, che sembrava essersi bloccato nell’impossibilità di prendere Roma, con l’impresa dei Mille, che consentì di unire il Mezzogiorno al Piemonte (1860) e quindi di giungere alla costituzione del Regno d’Italia (1861). Per le sue imprese, nelle quali dimostrò di avere non solo rare doti militari ma anche indiscutibile acume politico, Garibaldi è considerato uno dei più grandi artefici del Risorgimento italiano.Tenuto conto dei protocolli di sicurezza anti-contagio e dei risultati altalenanti della pandemia di COVID 19 e nel rispetto delle norme del DPCM del 24 ottobre 2020 la conversazione sarà disponibile, sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, a far data da mercoledì 13 ottobre.Tenuto conto dei protocolli di sicurezza anti-contagio e dei risultati altalenanti della pandemia di COVID 19 e nel rispetto delle norme del DPCM del 24 ottobre 2020 la conversazione sarà disponibile, sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, a far data da mercoledì 30 novembre.

Leggi tutto

 

“Birra Piccola”, il videoclip di Solfiti tra ironia e leggerezza

“Birra Piccola”, il videoclip di Solfiti tra ironia e leggerezza

Dai Finisterre all’album solista “Facile O Felice”, il cantautore Stefano Marelli ha sete di musica e torna con un nuovo progetto: Solfiti. Ma qui la ‘chimica’ è puramente musicale e sul palco del Concorso Canoro di Arenzano nel 2021, Solfiti si impone nella categoria Autori con l’inedito “Birra Piccola”.  Il video:

Il brano, con la produzione esecutiva di ACM, Associazione Cultura e Musica di Arenzano - organizzatrice della kermesse ligure - è accompagnato da un videoclip per la regia di Jacopo Marelli e con la produzione artistica di Solfiti e Raffaele Abbate (OrangeHomeRecords). Le chitarre e la linea di basso sono suonate da Stefano Marelli, i synth e il piano sono di Raffaele Abbate; alla batteria il giovane musicista David Chioggia.  “Birra Piccola” gioca con i luoghi comuni, sviscera ironia, è scanzonata e leggera, figlia sì di ricordi ma senza un velo di malinconia.  “Scrivere una canzone mi dà l'occasione per viaggiare nel tempo e nello spazio, incontrare gli altri me e le loro vite differenti. Un multiverso emotivo ed esperienziale. D'improvviso ho 18 anni, sono fresco di patente, ho tutta la vita davanti e un amore nuovo da passare a prendere sotto casa. Forse siamo nel ‘69, anche se non c'è una collocazione temporale riconoscibile. C’è solo voglia di rivivere quegli amori estivi. Passa del tempo: la relazione prosegue, cominciano le fatiche. Riusciremo a rilanciare? O sarà un'altra storia da archiviare?”, scrive Solfiti.   Le frasi fatte (e disfatte) incorniciano la canzone, sono il principio e la sua chiusura. Chitarre di ascendenza dream pop, drumming nitido ed essenziale, synth anni ’80 sorreggono la struttura sonora di “Birra Piccola”, con la voce di Solfiti che raddoppia e talora si moltiplica nei cori. Le scelte timbriche e di arrangiamento vogliono evocare tepore, impalpabilità, ozio, lentezza e nostalgia. Una “comfort zone” al cui interno niente può ferirci davvero. CREDITS VIDEO E SINGOLO Regia, riprese e montaggio: Jacopo Marelli Attori: Enrico Mantecca (il Buono), Stefano Marelli (il Brutto), Birra (la Birra), Juno (la Gatta), Barbara Vivaldi (Party Woman), Flora Marelli (Party Girl), Giordano Marelli (Party Boy, l'Astronauta) Testo e Musica: Solfiti Stefano Marelli: voce, chitarra acustica e elettrica, basso, synth Raffaele Abbate: synth, piano Dave Chioggia: batteria Produzione Artistica: Solfiti, Raffaele Abbate Registrato, mixato e prodotto da Raffaele Abbate presso OrangeHomeRecords, Leivi (GE) “Birra Piccola” è prodotto esecutivamente da ACM

Leggi tutto

 

Percorso Internazionale I Mulini del Gusto e le Vie del Pane e della Pizza – Il Molino Bigolin Giovan

I Percorsi Internazionali di Borghi d’Europa Progetto L’Europa delle Scienze e della Cultura Patrocinio IAI (Iniziativa Adriatico Jonica, Forum Intergovernativo per la cooperazione regionale nella Regione Adriatico Jonica) ed ESOF2020 Euroscience Open Forum Trieste Capitale Europea della Scienza La rete Borghi d’Europa ha deciso di un creare un percorso dedicato ai temi dei Mulini,delle Vie del Pane e delle Vie della Pizza, tra le grandi iniziative di informazione del progetto. Il circuito organizza e promuove dei percorsi per mettere a confronto idee, progetti, capaci di seguire il filo logico della valorizzazione rispettosa degli equilibri sociali culturali e ambientali dei territori di riferimento. Sono previsti incontri e stages di informazione nei territori,per raccontare a giornalisti e comunicatori le storie dei borghi e delle loro culture. Ogni ‘tappa’ tocca i luoghi, le storie, i protagonisti della filiera agroalimentare. Il progetto è stato presentato nell’aprile del 2019 presso la sede del Parlamento Europeo di Milano. Il Percorso d’informazione : La Via del Pane dell’Appennino Bolognese ; Il Mulino Natante di Revere (Comune di Revere ) ; La Valtellina ; I Mulini del Veneto Orientale (VE); L’Ecomuseo delle Acque del Gemonese (Friuli Venezia Giulia) ; Il Molino Bigolin (Rossano Veneto) ; Patto di filiera della farina del Friuli Venezia Giulia per la produzione di farine e derivati di alta qualità ma economicamente accessibili a tutti, prodotte con metodi sostenibili e svincolati dalle leggi di mercato ( Dolegna del Collio) ; Croazia : Rastoke,il Villaggio dei Mulini; Austria :Villaggio dei mulini , Gschnitz ; Canton Ticino (Svizzera) : I Mulini della Val di Muggio (Mendrisiotto); San Marino : Il percorso degli antichi mulini di Canepa ; Slovenia : Mulino Kukovicic Paesi partecipanti : Italia,Croazia,Slovenia,Svizzera,Austria,San Marino Polonia Lo Sviluppo : Realizzazione di incontri di informazione aperti alla partecipazione di giornalisti e comunicatori ( stampa nazionale e locale), imprenditori, testimonial del settore. Il format prevede una scansione ad interviste, domande- risposte. Ad ogni tappa verrà realizzata una rassegna stampa multimediale documentata (servizi informativi online e stampa ; video multimediali,rassegna stampa) -Visite ad aziende locali che verranno inserite nel Percorso Realizzazione di materiali didattici da donare alle comunità scolastiche dei territori ‘toccati’ dal Percorso IL MOLINO BIGOLIN GIOVANNI a Rossano Veneto Il Molino Bigolin Giovanni esiste dal 1820 “ Dal 1820 la nostra passione per il vostro piacere – commenta Enrico Bigolin-. Il molino di Rossano Veneto esiste dal 1820 e da allora la Famiglia Bigolin ha tramandato di padre in figlio la passione nell’arte di macinare il grano. Oggi è molto difficile produrre farine buone e naturalmente saporite come quelle che macinavano i nostri nonni perché sono cambiate le tecnologie di macinazione, sono stati introdotti additivi chimico-organici che con il grano non hanno nulla a che fare e sono infine mutate le qualità dei grani stessi e la loro genuinità. Con una particolare macinazione unita ad un’accurata scelta e miscelazione dei migliori grani, otteniamo farine fiore naturali, controllate costantemente in laboratorio.” Il Molino propone farine per dolci, per la panificazione,farine per pizza,farine speciali, farine per uso casalingo e macina a pietra. Le farine per pizza I giornalisti e i comunicatori di Borghi d’Europa hanno sperimentato le farine per pizza negli itinerari di informazione che riguardano il Percorso Internazionale. “ Per davvero il refrain ‘la buona farina naturale’-osserva Renzo Lupatin, giornalista presidente di Borghi d’Europa-, non è uno slogan pubblicitario, ma una realtà concreta. Tanto per fare un esempio le farine della linea “0” Pulcinella sono adatte ad impasti che richiedono tempi di lievitazione medio-lunghi (Nero, per pizze morbide e allo stesso tempo fragranti)), medi (Amaranto e Rosso, per pizze croccanti e fragranti e per pizze leggere e gragranti).” La linea delle Farine macinate a pietra comprende la farina di grano tenero (Pulcinella Stone), la farina di farro biologico monococco Tipo2 e integrale ( con certificazione da agricoltura biologica proveniente da grani italiani),la farina di grano tenero integrale da grani italiani), la farina di grano tenero biologica Tipo1,Tipo2 e integrale (farina fiore di grano tenero con certificazione da agricoltura biologica proveniente da grani italiani con elevato tenore di priteine): Vi è poi un’ampia scelta di farine (OV,OO,OSS,BioO,Integrale e Semi e cereali), per tutte le esigenze. “ Ci ha interessato poi la Pulcinella Revolution, una miscela di farine adatta per pinsa,pizza in pala e pizza in teglia, proposta nella serata de Le Vie della Pizza a Vittorio Veneto,Borgo del Gusto” Pulcinella Revolution è un’idea del Maestro Pizzaiolo Mauro Pozzer che ha creato questo pregiato mix di Farina di grano tenero di forza, Farina di Farro Monococco (il più antico dei cereali) e farina di riso, per dare più gusto e croccantezza al piatto unico più buono del mondo: La Pizza! Infine la farina Integrale Fina o Grossa, speciale da taglio o per impasti che richiedono tempi di lievitazione medi, particolarmente indicata per pizze con più fibra ad alta digeribilità.

Leggi tutto

 

Nuovo libro pubblicato da Rosabianca Edizioni

Nuovo libro pubblicato da Rosabianca Edizioni

Rosabianca Edizioni, in concomitanza con la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, annuncia l'uscita del libro INARRESTABILE della giovane autrice Caterina Martini. «Lo scopo di questo libro non è ribadire ciò che dovrebbe essere già noto, ovvero che ogni donna vale tanto quanto un uomo; ma ho scritto queste righe anche e soprattutto per gli uomini, perché sappiano cosa ci ha portato a diventare femministe, cosa a creare associazioni che ci sostengano e cosa a volerci pagare la cena da sole. Il sogno è quello di annullare il divario tra uomini e donne, sensibilizzando la società, esortandola a evolversi e a superare concezioni tremendamente vecchie e prive di qualsiasi fondamento scientifico, psicologico e sociale. Il mio sarà un viaggio nel tempo, torneremo indietro e insieme analizzeremo ciò che secondo me è andato storto a priori. Mi chiamo Caterina, ho vent'anni, e ho scritto questo libro con la speranza che possiate leggerlo e riflettere.» afferma l'autrice. Il volume è disponibile sul sito della casa editrice Rosabianca Edizioni, in tutte le librerie italiane e in store online. Anche in versione digitale. Genere: saggio Pagine: 94 Prezzo: 12€

Leggi tutto

Il pulsante spazzatura elimina i contenuti di questo autore dalla tua 101, per sempre!