Discussione

Internxt Drive

Internxt Drive

Per chi come me è appassionato di crittografia e usa servizi online di archiviazione, con dimostrazione a conoscenza zero (zero-knowledge), deve assolutamente provare Internxt Drive. A differenza di servizi quali Sync, Tresorit o pCloud, Internxt Drive aggiunge un ulteriore livello di anonimato, grazie alla frammentazione e la distribuzione dei file crittografati lato client, che vengono però distribuiti su vari server in tutto il mondo. Questa novità aumenta in modo esponenziale la sicurezza, facendo in modo che un server non detenga mai il file completo. Per anni mi sono servito di Sync, ma viste le caratteristiche uniche di questo sistema ho deciso di spostare i miei file su Internxt Drive. Gratuiti 2 GB di prova e usando questo collegamento ci verranno accreditati 5 € ad entrambi, non appena attiverete il vostro account. Io lo consiglio, lascio qui sotto il link per l’iscrizione gratuita: https://internxt.com/?ref=6b30897b-5575-42c1-9e79-6565a0e200f7

Commenta
 

Argomento interessante, hai fatto bene a parlarne qui a beneficio di tutti, adoro questo genere di chicche. Conoscendoti, se hai deciso dopo anni di spostare tutti i tuoi file su questo nuovo servizio di archiviazione, deve essere eccellente. Quindi se depositassi un file su questo servizio, verrebbe criptato, frammentato e i "pezzi" verrebbero distribuiti tra vari computer in giro per il mondo? Mi ricorda un po' la blockchain, è simile o sono fuori strada?

 

Proprio così Mattia, hai capito benissimo. Il vantaggio è proprio di avere pezzettini dei tuoi file sparsi un po’ ovunque in vari server nel mondo. Nel caso uno di questi pezzettini fosse decriptato, difficile ma non impossibile, mancherebbero gli altri pezzi per ricomporre il puzzle. Impossibile. È un progetto giovane e in cantiere hanno anche una email sicura tipo Proton e un sistema per inviare i file. Nel mio piccolo li sosterrò perché il progetto merita.

 

Affascinante! Stasera ho fatto le ore piccole ma domani appena accendo il computer mi iscrivo! Grazie per avermelo fatto conoscere.

 

Ecco fatto, ho appena creato un account seguendo il link che hai indicato. Grazie ancora per la segnalazione.

 
Immagine di Daniele

Prego e grazie a te. Come vedi abbiamo accumulato entrambi un credito di 5€. Non male direi come inizio.

 

Ottimo, è una gran cosa! Sono contento per tutti e due. Sono servizi che utilizzo di rado ma quando servono è meglio affidarsi a quelli che non vedono il contenuto dei file che carichi, per esempio sono pronto a scommettere che Google Drive conosce vita, morte e miracoli della roba che carico. Per quanto riguarda la gestione della privacy di Dropbox che mi dici, spiano tutto anche loro? Chiedo a te perché so che sei molto attento a certe cose. P.s. ho visto che hai cambiato la foto del profilo, preferisco questa, bravo!

 

Dropbox è stato il primo ad investire considerevoli somme di denaro sul cloud, quando ancora nessuno ci credeva. Quando era ancora in vita Steve Jobs, prima di creare il suo iCloud, fece un'offerta per acquistare Dropbox, che fu rifiutata. In quanto a privacy Dropbox = Google Drive. Basta che leggi, cosa che nessuno o quasi fa, il contratto che accetti quando usi i loro servizi. Inoltre i loro server sono soggette alle leggi americane, quindi… Per il cloud consiglio Sync.com; Pcloud.com e Tresorit.com Di questi, in Pcloud, la crittografia dei file si paga a parte, quindi se si fa un contratto con loro bisogna mettere in conto un prezzo mensile più alto per avere un pacchetto completo. Per chi non è avvezzo con queste cose, basta considerare un solo parametro: che il servizio cloud che si intende usare sia Zero-Knowledge, ossia dimostrazione a conoscenza zero. Poi ognuno fa quello che vuole, ma visto che i miei dati personali vengono messi in diversi server sparsi in qualche parte del pianeta, di cui io non sono a conoscenza, almeno che siano crittografati per benino. Sia in locale, prima di essere inviati con protocolli sicuri e naturalmente anche sui server di destinazione, di cui solo io conosco la chiave per decriptarli. L'autenticazione a doppio fattore è sempre benvenuta, per avere un'ulteriore garanzia di sicurezza. In ogni servizio quando c'è il recupero della password, significa che qualcuno può leggere i tuoi file, semplice. Ecco, quei servizi sono da evitare. Un giorno farò un articolo anche sulle email sicure.

 

Ti ringrazio perché mi hai aperto gli occhi: questo tuo ultimo commento è stato illuminante e sono contento che ne abbiamo parlato qui, perché le informazioni che hai condiviso restano scritte a beneficio di tutti, anche per chi ne avrà bisogno in futuro. Attendo il tuo articolo sui servizi di posta.

 

Ciao Daniele, da un po' di giorni a questa parte mi balenava in testa l'idea di abbandonare Google Drive e spostare tutto quanto su un altro servizio di cloud. Premetto che nel mio caso si parla di migrare poco più di 3 GB. Ho provato subito Internext drive, ma purtroppo non sono riuscito a farlo funzionare, evidentemente ho sbagliato qualcosa: non riuscivo a caricare nulla al suo interno. Poi mi sono ricordato che proprio tu mi avevi parlato bene di Mega, sbaglio? Ad ogni modo sto caricando e trasferendo lì tutto quanto. Il mio Google drive ora è vuoto. A parte lo stoccaggio dei file nel cloud e a proposito di privacy, forse sono riuscito ad attivare le notifiche su Signal, (alla buonora dirai :-D ) che tra l'altro adesso è la mia applicazione predefinita per i classici SMS. Quando hai tempo per favore, prova a mandarmi un messaggio in chat, vediamo se mi avverte. Gli sms li notifica perfettamente.